Cosa sarà mai
l'anelito afflato
se non l'eco
d'una conchiglia
che va per mare
recitare versi
alle anime di terra
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Carmine Ianniello  

Questo autore ha pubblicato 64 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Lacrime dense cadono dai tagli sul collo.
È un carnoso scivolare di un pianto,
latte miracoloso
che tramuta la notte in giorno.
Che trasforma il lutto
e il dolore diventa incanto.
Un dolce
visionario
materno canto.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Syrio  

Questo autore ha pubblicato 15 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Mentre la corsa avanza
e la meta è ancora ascosa
io mi fermo e osservo quel che sono,
la mente inorridisce e il corpo riposa.
Nel mio sogno ogni nota vola e danza
gli occhi si chiudono e cambia il tono:
dice che è nata, bellissima
la vera e miracolosa armonia.
Guardo avanti e la luce è spada:
la mia bella, la mia adorata,
che mi dice "cambia strada!".
E s'infuria e stringe una forte morsa
che mi impedisce di riprendere la mia corsa.
La vita sussurra pungente fetore:
"che pensavi? Son'ormai alti i prezzi!"
La miseria di quella felicità svanisce,
la luce si spegne, niente guarisce
e tutto va in pezzi.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Samuel Longo  

Questo autore ha pubblicato 14 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
S'addensa la presenza della fretta e del nitore
muro baluardo del loro scandire,
volevano intessere ruote nel cuore
pensare alle gabbie come atto d'amore.
Frequenza nutrita dagli organi
diamante scandito dagli angoli,
gregario giro di cicale,
clessidre volteggiano al tempo solare.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Niccolò Montemagni  

Questo autore ha pubblicato 2 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Il cielo è più limpido stasera,
come più silenzioso è stato il giorno.
Riesco a sentire l'odore del mare
e il rumore delle sue piccole onde.
Che pace... una pace che tormenta,
una pace che ti fa pensare alle cose e
alle persone che non puoi abbracciare.
È una pace invadente e che mette timore,
fa tremare il cuore e t'offusca la mente.
Il fresco si posa sulle spalle riparate,
appoggio le braccia conserte,
alla gelida ringhiera di ferro
umide gocce si intravedono sulle cose
che ora guardi con occhi differenti, tristi.
Il cielo è più limpido stasera,
sarà per le scie delle preghiere che
hanno creato le loro vie tra le nuvole,
sarà che la luna sta illuminando l'anima
con una coperta fatta di lana e speranza.
Si respira piano, inspirando profondamente,
mentre le luci si spengono una ad una
restano le stelle a farmi compagnia.
Il cielo è più limpido stasera.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 258 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Qual foglia si mescola alla follia

del vento  raccoglie le forze

una luce verde ebbra d'aria

ove grida virginea la natura

un miscuglio di rami flessuosi

godono a far il male  per vendetta.

Lei ha occhi glauchi pensierosi

un sottile nastro rosso tra i capelli

un timoroso rigurgito di parole

che separa odio e sentimenti.

Si accartoccia come foglia

lesta a danzare nel dolore

vessillo infelice eppur amato.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Libero  

Questo autore ha pubblicato 95 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Il suono che non ho sentito

il colore che non visto

oh che melodia meravigliosa

che tinta stupenda.

Leggo quello che non ho scritto.

Belle le persone che non conoscerò mai.

Credo sia questo l'infinito.

L'angelo immaginato,

La pioggia mai caduta.

Quello che non ci siamo detti

l'altra sera.

Il posto che ho sognato

quanto era vero il suo odore.

Mia madre che non ha fatto a tempo

ad invecchiare.

Credo sia questo l'eterno.

Quello che resta non rimanendo.

Quando il tempo non è più un regime.

Il quadro che non ho dipinto

ha una bella cornice

che non ho comprato

in un negozio dove non sono stata.

Ma non era tutto finto.

Era solo altrove.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Sabyr  

Questo autore ha pubblicato 274 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
...non ho mai detto che ti amavo...
...non ho mai detto che ti conoscevo...
...non ho mai detto che ero triste...
...non ho mai detto di lasciarmi in pace...

Ma gli scheletri nell'armadio
Fanno polvere nella mente.
Ma le termiti dell'armadio
Distruggono le membra.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Carboluka  

Questo autore ha pubblicato 26 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Sono andato alla deriva
nei naufragi della vita
lotta aspra ed insicura
lenta e dura è la salita
Gioco sporco col destino
fango dentro gli stivali
denti aguzzi di mastino
c'è di peggio a questi mali
Giro intorno ad un pensiero
nelle notti di sudore
faccio finta che sia vero
ma ci vuole un po di cuore
Tiro frecce e sbaglio il centro

... son finito sul cemento
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Ferruccio Frontini  

Questo autore ha pubblicato 124 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Chiudi gli occhi: il mare è qui.

E la sua voce liscia,

Di donna, fragile,

Il suo discorso lento

Che leviga la roccia 

Pregna di sale,

L’avvolge, e consola

La sua ingiusta tortura,

Un cuore di pietra

Per sempre vivo.

Apri gli occhi: il mare 

Che pressa, la sua lagna,

E non c’è accordo

E la pietra annega;

Dietro di lei le tenebre negano 

Anche la luce.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Salvatore Stefano  

Questo autore ha pubblicato 10 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Deserti dorati
divisi da dune
solcate da uadi
come pieghe dell'anima
diffondono demoni
nei cuori dei vivi
dischiudono dubbi
deraglian le menti
Un dolore diverso
dilania le notti
ci doma la vita e
alimentando
il domani

ci induce al divino
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Ferruccio Frontini  

Questo autore ha pubblicato 124 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

seminario fabio immagine

                                                                                                                                                                        Un sol respiro ad unir bramate percezioni,

                                                                                                                                                                                matite a calcar su foglio bianco

                                                                                                                                                                               essenziale materia colorata a

                                                                                                                                                                         dipingere un giardino di libellule e falene.

                                                                                                                                                                        Pensieri oltre l'emozione, oltre la sensazione,

                                                                                                                                                                           oltre l'essenza a divenir essenziale ed

                                                                                                                                                                              imprevedibile, inafferrabile pensiero.

                                                                                                                                                                              Cavallo a correr nella prateria e

                                                                                                                                                                                sbizzarrir di fantasia la mente.

                                                                                                                                                                            Prodigare in sospir di pianti e risa e

                                                                                                                                                                              pensieri ad invader lo spazio

                                                                                                                                                                              occhi e vocii in presenze astratte

                                                                                                                                                                          inafferrabile sensazioni a crear visioni

                                                                                                                                                                                  favole in turbinio di vento e

                                                                                                                                                                                   al tempo  ritrovar profumi.                                                                                                                                                                                              

                                                                                                                                                                        Oblio ad accarezzar l'immaginabile e

                                                                                                                                                                        nel  fievol fluir a percepir il percepibile.

                                                                                                                                                                                 

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Adele Vincenti  

Questo autore ha pubblicato 64 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

"Scrivevo dei silenzi, delle notti, annotavo l'inesprimibile, fissavo delle vertigini." (Cit,) A. Rimbaud

L'occhio veggente
mantiene la presenza
viva del sole
nel cuore della notte.
Vede oltre le nubi dense
a trama fitta, dell'essere.
Vede anche con palpebre
spesse e abbassate.
E soprattutto sente
per sinestesia.
Il caos dei sensi
infervora non solo il corpo
ma anche e più lo spirito.
Il tuffo folle nella visione
è sempre necessario
altrimenti la messa a fuoco
è impossibile.
Prima del colore,
di ogni colore,
Il buio, perfetto maestro di luce.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Sabyr  

Questo autore ha pubblicato 274 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Il sogno comincia
con una frattura della luce,
rifrazioni di fantasmi
moltiplicati come schegge
di uno specchio
su muri di vetro.
Le sagome rimbalzano
tra i riflessi nudi.
E non comprendo
se siano vuote loro
o vuota io.
Poi decreto per una totale,
completa vacuità
delle forme, delle cose.
Potrei attraversarmi
vincendo la mia stessa consistenza.
infatti credo stia succedendo
assaporando la bellezza di un volo,
la leggerezza di un corpo
che perde l'illusorietà
di una concretezza vanesia.
Mii trovo in quel limbo
tra essenza e parvenza
e può essere solo
la pazzia assoluta
o un sintomo di risveglio.
Vorrei saperlo.
Ma la conoscenza
trascende ogni concetto.
L'esperienza prima di illuminare
spesso oscura
e il mondo sta svanendo
oppure solo io?
Maledizione, solo io?
Io chi?

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Sabyr  

Questo autore ha pubblicato 274 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Le pareti raccontano vecchie storie.
Le case hanno anima.
Per chi sa ascoltare appoggiato ai muri
il cuore delle cose che assorbono
umane vicissitudini, umori fragili,
sogni mai confessati.
Questa stanza conosce i miei passi.
Le sue finestre sono occhi senza ciglia.
Una dimora assume un po' di vita riflessa.
Un battito nascosto come quello dei vegetali.
Le case raccolgono solitudini, abitudini.
Visitale dopo che i loro abitanti sono usciti,
intendo per sempre, senza ritorno.
Tu sentirai che un po' di loro è ancora lì
come un profumo evanescente
o uno sguardo fugace in dissoluzione.
Le case ci conoscono nell'intimo.
Sono corpi i cui scheletri sono balaustre, scale,
corrimano, fondamenta.
Una casa può assomigliare a un'altra
ma dentro resta unica.
Anche quando l'hai spogliata.
Anzi soprattutto quando resta nuda.
E quando la lasci in qualche modo ti ricorda.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Sabyr  

Questo autore ha pubblicato 274 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.