Livorno, di sera,
quando sul porto
sirene solitarie
trascinano scintillanti
luci sul mare
all’infinito.

Livorno, di sera,
quando d’estate
rivive brulicanti
angoli sconosciuti
nell’antica Venezia
dai ricordi sopiti.

Livorno, di sera,
quando sul lungomare
morbide curve
ostenta
e caldi abbracci
porge ai sognatori.

Livorno, di sera,
quando mi inebrio
di leggero salmastro
e scopro il desiderio
di vivere sempre
fra le sue braccia.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giordano Borelli  

Questo autore ha pubblicato 27 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.