Sei distesa sul divano,

messa tutta sbilenca,

i piedi penzolanti,

la testa reclina,

occhi chiusi,

che tremano ogni tanto,

cosa sogni,

cosa pensi,

a me forse,

o no;

che bello guardarti dormire,

mesta e paciotta,

tranquilla  e assorta,

il volto disteso innocente,

inconsapevole,

che carina,

ti guardo in silenzio,

e ti amo

un po’ di più,

anche se non lo sa

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: stefano medel  

Questo autore ha pubblicato 234 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.