Quartine di settenari senza rime, scritte di getto senza rifinitura.



Vorrei tanto tuffarmi
dentro gli occhi tuoi verdi,
annegandoci senza
poter più respirare,

sprofondare dal bulbo
sino dentro il tuo cuore,
passar tutta la vita
al ventricolo avvinto,

dal tuo sangue scaldato,
dalle tue pulsazioni
senza sosta cullato,
perso in te totalmente.

Per me posto più bello
da abitare in eterno
non esiste nel mondo
anzi nell’universo

e se l’ultima cosa
che sarà da me vista
prima d’entrar nel cuore
del mio celato amore

saran le iridi verdi
con cui m’hai fascinato
dalla notte dei tempi
senza alcuna fatica

allor sarò sicuro
che l’immago finale
di cui avrò goduto
è certo la più bella:

gli occhi della mia amata,
inconsapevolmente
tanto desiderata,
senza soste sognata,

nell’istante guardata
d’un brillante sorriso
pien di luce e di vita
anche nella stanchezza.

Un sorriso che il tempo
non potrà mai sbiadire
con un fascino immune
alle piccole rughe,

un sorriso esentato
dal degrado del tempo
che risulta clemente
verso la tua bellezza.

Vorrei restarti dentro
quanto meno per sempre,
sempre a tua insaputa
per non darti fastidio

carezzandoti il cuore
per donarti dolcezza,
tutta quella che posso,
di cui sarò capace.


07/07/2023
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: ioffa  

Questo autore ha pubblicato 125 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.