Come sposa avrei fermato il tuo corpo

sull'altare, un raggio di sole nel velo,

una soffusa benedizione del mio sì

in risposta alle promesse d'amore.

I passi furono in salita, ti seguivo,

una scia del tuo profumo speziato,

una carezza sul tuo candore virginale,

ti seguivo, operaio della tua felicità,

tu bella negli occhi verdi e sognanti.

La notte generò il giorno, la gioia,

l'enfasi del tuo amore di tenera madre.

Come sposa avrei fermato il tuo corpo

sull'altare, un raggio di sole senza dolore.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Libero  

Questo autore ha pubblicato 138 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Antonio Girardi
# Antonio Girardi 17-12-2020 15:24
Veramente bella.
Mark
# Mark 17-12-2020 19:19
Molto bella,complimen ti.
Libero
# Libero 25-12-2020 11:45
Grazie.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.