Lieve ristora il fresco venticello,
graffiando sulle onde
del mare che canticchia in allegria,
il sole sorridendo gli risponde,
di sabbia intanto un bimbo fa un castello
e lesto vola via,

nel cielo un aquilone e la sua scia.

Distesa sulla sdraio e l’ombrellone,
a un metro dalla riva,
una creatura magica appariva,
ed anche il solleone,
mirava solo lei, gran furbacchione,
i raggi accarezzavano la pelle,
dorandola per bene,
le gambe lunghe e snelle,
i seni nella stoffa che non tiene.

Più in là su un pontiletto di graniglia
siede un vecchio pittore,
bianca la barba, in capo ha una paglietta,
osserva di vedetta
con fare da superbo narratore,

nel mentre si assottigliano le ore

e si rinforza il fresco venticello,
le onde a risuonare,
il sole che s’abbassa e sul più bello,
sparisce e lascia solo il grigio mare.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Aug94  

Questo autore ha pubblicato 42 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.