Scambio, deviatoio, proprio così!
Scambio di idee, di sentimenti,
di sensazioni, di affetto e cortesie,
ma anche di amore, musica e poesie!

Come lo scambio delle ferrovie
devia il percorso dei suoi treni,
così la vita devia il nostro percorso
ma dove ci porterà, senza rimorso?

Non guarda in faccia, non si fa scrupoli,
vola e scorre sui suoi binari,
non ha una meta, non sa dove andare,
è senza pudore e non sa cosa fare.

Depravazione, arroganza, prepotenza,
avidità, ingiustizia, vendetta, ipocrisia,
inganno, tracotanza, rigidità e violenza,
ma dov’è  la dignità, l’orgoglio, la coscienza?

Se ricevi uno schiaffo, porgi l’altra guancia,
se qualcuno ha freddo, dagli il tuo mantello,
non scansare chi ti schernisce, ama chi ti ha odiato,
seguimi nel regno del Padre, è li che sarai amato!

A cosa è servito l’insegnamento di Dio,
a cosa è servito il sacrificio del Figlio,
l’abbiamo forse scordato o forse ripudiato,
dov’è  lo spirito umano, l’abbiamo abbandonato?

Meditate gente e lasciate questa strada
perché questa è la via della rovina,
la strada della perdizione, del fuoco eterno,
la fine del mondo, la via che diritta porta all’inferno!

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Giò For  

Questo autore ha pubblicato 62 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Risultati immagini per bambini innamorati
La parte tua
è quella che dai a lei
una nuvola nel cielo
la più bella.
E scrivi a lei
come si fa a vivere
senza quel sorriso
che ti respira accanto da una vita.
La parte tua migliore
non sono le parole
e quante volte hai pianto
da solo dentro il letto
senza farti sentire
e il cuore ti batteva
batteva così forte da fare male.
E scrivi a lei
come si fa a non fare l'amore
con le ore che passano
ed i giorni non restano
rimane solo quel ricordo
del primo bacio dato e catturato
dentro la cornice del tuo cuore...
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: conca raffaello   Sostenitore del Club Poetico dal 30-04-2019

Questo autore ha pubblicato 637 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Pioggetta ligure

paesaggio ligure,

aria tiepida,

qualche grado in più.

Primavera nell'aria;

davanti la costa,

il litorale,

con gli scogli

e i pietroni

lungo la riva,

qualcuno pesca con la lenza lunga,

pochi gabbiani

svolazzano

inquieti,

due seduti col cane,

aria fresca,

onde scure,

i marosi,

mare;

facce locali,

gente con i camper,

parlano straniero,

poi cade una pioggerellina,

nuvole enormi,

la battigia,

sabbia intorno per terra,

un ragazzo lancia sassi in acqua,

giornata al mare primaverile.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: stefano medel  

Questo autore ha pubblicato 219 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Risultati immagini per labbra carnose


Cosa ci farei
ad averle tutte per me
queste labbra carnose
sicuramente ci perderei la testa
già solo a osservarla
mi va a spasso il cervello.
Che belle labbra
rosse come il fuoco
ed io mi brucio
anzi mi cuocio
direi come un pollo.
Cosa ci farei
solo ad averle qui
le mangerei come una ciliegia
gustandole con fragola e panna
saziando la fame
addolcendomi il cuore.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: conca raffaello   Sostenitore del Club Poetico dal 30-04-2019

Questo autore ha pubblicato 637 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Vi è un aria nuova,
che brucia gli animi ribelli,
attinge forza, da sferzate di vento,
e porta novizie voci.
Tra graffi che rigano la pelle,
sì lascia un'amarezza stanca,
un'inutile rimescolanza, che fa sgorgare
tutte le parole mai dette e mai comprese.
Siamo sete d'amore, ma l'acqua che scorre
non porta refrigerio, non porta soluzione,
e così rimpiangeremo sogni e voli
che inutili cadranno in mille pezzi.
Saremo mari senza sbocchi e onde leggere,
rimane solo il sapore di un bacio senza fine.
Germogli fragili come pensieri,
devono poter rinascere a nuova vita,
che sia azzurra e immensa la distesa,
la sabbia tra le dita non sfugga
ma rimanga come grani di clessidra.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Marinella Brandinali  

Questo autore ha pubblicato 428 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Marzo , similmente a Donna 
per il suo vento 
a svelare le spalle da ogni grigiore 
a tacere gli occhi di lillà e turchese 
a scorrere nuvole in festa 
sfumate sul mare . 

Marzo, pari a luce 
lavagna di riverbero chiaro 
a ritemprare ogni ombra tra i rami
annodati a maturare colori .

Rigogliose pagliuzze di sole 
per te "Donna"  marzo si veste di fiori 
tondi , delicati e di effimera Primavera. 


Immagine correlata 
Dal Web 
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Caterina Morabito*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 14-03-2014

Questo autore ha pubblicato 765 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Come il terreno in attesa che germini il seme,
così il mio cuore attende un sentore,
si plasma sui vetri e scorre lasciando una scia.
Intravede il destino, lo cerca sereno,
ma nulla sara' come prima.
Indomito l'animo si fa battaglia,
e porta con sè le conquiste e i trofei
d'un inutile scontro che sa di sconfitta.
Sa di lotte incomprese,
di voci inascoltate, di peccati non confessati,
e rimane l'amarezza di un vuoto
che non si riempirà neppure 
con l'amore di nuovo vestito.
Guerra e anima sono scontri di mondi,
senza un fine, 
sono un sottile fumo che sale.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Marinella Brandinali  

Questo autore ha pubblicato 428 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Alle cinque della sera
concedersi al piacere del tè
nella nuova pasticceria
e al tavolino conversare.

Fuori s'accende la via
al traffico e al camminare
nel gelo dopo la fiocca
attenti a sbandate e cadute.

Nuota del limone una fetta
nell'infuso d'oro bollente
sorseggiato con calma
inframmezzato da paste.

Passa un amico e saluta
un cenno ovvio alla neve
uno scusare la fretta
e il conto è da pagare.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: michele prenna  

Questo autore ha pubblicato 11 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Un bel sogno irraggiungibile
una storia importante 
le occasioni da non perdere 
che non tornano più 
perché capitano in un attimo
per poi diventare nuvole
dissolte dal vento.
Un bel sogno
quando dormono tutti
ti accarezza nella notte
tu cerchi di non svegliarti
per non farlo diventare nuvola. 
Questa volta
non vuoi perderlo per sempre...
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: conca raffaello   Sostenitore del Club Poetico dal 30-04-2019

Questo autore ha pubblicato 637 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Le feste sono andate,

finite, disciolte

appartengono già al passato;

sembra ieri che si era alla vigilia,

e poi il natale

è passato in un soffio,

un istante,

un battito di ciglio;

gennaio anno nuovo,

voglia di cambiare,

di non ritornare sui

propri passi,

di vivere,

di credere;

strade di città,

c’è ancora qualche addobbo residuo,

qualche festone,

nostalgia di festa,
andata.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: stefano medel  

Questo autore ha pubblicato 219 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Un pensiero
fresco e liscio come la seta
mi fruscia in mente,
è un nome antico
ricordato sulla soglia di un oblio.
La sostanza leggera del vento
lo  accompagna da me.
Ed ha i tuoi occhi.
E le tue mani.
Le memorie a volte sono danze,
altre volte sono luci.
Ogni tanto sono voci.
Sempre fantasmi.
E spettri sono gli amori perduti
e i giorni sfuggiti,
non resta che invocarli sottovoce
rimembrando i loro occhi,
le loro mani,
e di ognuno, il nome antico.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Sabyr  

Questo autore ha pubblicato 274 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Non ha voce il vento
tra i freddi marmi.
Accenni di sorrisi
a fingere presenze;
folle già perdute,
semi custoditi
dalla terra ignara
che mai daranno frutti.
Dentro ai vasi
fiori morti
a imputridire l'aria
di solenni addii.
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Ibla  

Questo autore ha pubblicato 135 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Luci soffuse nell’aere.

Cittadino,

asfalto e catrame,

la linea di mezzeria,

che si dipana

come un nastro,

l’auto va veloce,

tra le ombre giganti

e le sagome segrete

del buio;

locali e tavole calde

mandano riflessi

lucenti,

lampioni con

aloni di luce;

un semaforo

dardeggia

nella notte scura,

passano le auto

accese,

gente sulle strisce

cammina

coi paltò

attraversando la città;

finestre illuminate,

da persone,

chissà chi saranno,

luci urbane,

il paese

luccica

nelle tenebre,

la notte vola via.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: stefano medel  

Questo autore ha pubblicato 219 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Crepuscolo invernale,

viene buio sveltamente,

la luce scema ed è fugata

dalle ombre plumbee della notte,

ben presto è sera;

buio intorno,

luci di paese,

lampioncini d’epoca,

mandano luci alogene,

che tingono di giallo

i muri della città;

asfalto nero,

auto appannate,

freddo che raggela,

si vede il fiato,

il sole sembra tramontato per sempre,

il giorno è morto;

ombre del buio,

negozi e caffè luminescenti,

la sera sovrasta,

e spira uno spiffero gelido,

inverno.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: stefano medel  

Questo autore ha pubblicato 219 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Rintanarsi tra le coperte

centellinando aromatici profumi d’acquavite

infiammare   le gote solleticando le dita 

 accanto allo scoppiettio di un camino.

Come non amarti inverno 

dallo sguardo  intimo ,incerto , vespertino.

Con i paesaggi pittoreschi di occhi rugiadosi 

con i tetti muti e imbiancati di soffice malinconia .

Sonnolento  tra le  contrade 

ma cosi  voglioso a Natale 

che quando cadi 

con orpelli e lustrini ad 

ogni vicolo smunto 

riluci i camini .


Cosi  avvolgi di gelo le mani 

e palpiti  il freddo dei cuori 

cosi tra le stelle vuote ti adagi 

e tra le foglie 
in letargo conduci gli allori.

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Caterina Morabito*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 14-03-2014

Questo autore ha pubblicato 765 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.