Da suoni sinistri i miei pensieri sono divenuti una melodia infinita 

Ciò che prima brillava a tratti adesso risplende di continuo

Lo stupore è in ogni cosa e ogni cosa è stupore; gli sguardi impersonali  sono ormai parte di un disegno dai contorni ben definiti, nitido, chiaro, puro: la mia anima.

La staticità rassicurante della nebbia e dell’impersonalità è divenuta inquietudine... scoprirsi, scegliersi di continuo, fare degli altri non un modello ma uno specchio, uno specchio che riflette le mie urla interiori, che adesso sono voci soavi

Lo scrigno dei miei segreti è accessibile, le chiavi risiedono nel grado di spontaneità con il quale ci rapportiamo... l’essenziale non è invisibile, l’essenziale siamo noi, dei noi consapevoli.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Invisibilia  

Questo autore ha pubblicato 5 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.