Sono venuta al mondo non per mia scelta.

D’estate, in un casale in aperta campagna.

Mi ci trovo bene, né freddo più del dovuto

e né oltre misura caldo alle calcagna.

Ho perso il mio compagno nell’unica notte

di canicola in un pianoro colmo di ristagni

…ora prenderò a puncicare i dimoranti

non per diletto, ma per connaturali bisogni.

Per poi tornare un’ultima volta ad affidare

le larve a quella brulla piana poco distante,

prima d’abitare le sponde dell’Acheronte.

Nella bella estate orfana del caldo stagnante.

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 502 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Mi lascio alle spalle questa notte

all’addiaccio, dove lo Scrivia incontra

una conca per sentirsi piccolo

come il fiato corto dentro a una bugia.

Nel crèmisi del cielo di una spremuta

di tre arance starò bene, ma non subito.

Così aspetto, di vederci dentro la solitudine

che si prende spasso di me con la giocoleria.

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 502 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Scivola l’asfalto con lo sguardo

nelle sfumature rosa sulla tela

appesa al cielo delle Langhe.

Rischiara ancora.

Sullo sbadiglio dell’arancia                          

da dietro il Roero,

cade il lenzuolo ramato

dalle morbide forme dell’aurora.

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 502 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
S'allungano le ombre
e più che le stelle
brillano le lucciole
1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Carmine Ianniello  

Questo autore ha pubblicato 82 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Un papavero,
un delitto
nel ventre
della terra.

Rosso
il mio sangue
al ricordo
di ciò
che nacque.
 

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Libero  

Questo autore ha pubblicato 105 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
E miro
quest'alti monti
e queste valli
questo verde
questi silenzi
eretti dalla natura
per cuori innamorati

L'aria - il vento
la frescura
il brusìo delle fronde
il lamento delle rogge
la voce dell'eco
che risponde

Una donna senza vezzi
che carpisce sospiri
una rosa ricolma d'olezzo
che vegeta
che poi spira
disseminano piaceri

E il sole - la luna
le stelle - la notte
l'aurora - il tramonto
e il mare

Agli occhi dell'anima
tutto è sentimento
1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Carmine Ianniello  

Questo autore ha pubblicato 82 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Su questa terra
siamo foglie, che
nascono da alberi,
vivono una stagione
e all'arrivo dell'autunno,
si lasciano trasportare
dal vento spietato.
Siamo foglie cadute,
seccate dal caldo,
bagnate dalla pioggia
e corrose dal tempo.
Spesso dimenticate
qualche volta ricordate,
lasciate lì...
in quella terra che ha dato vita,
in quella stessa terra,
dove si adageranno
per il loro ultimo viaggio.
1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 277 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
"In cima al monte
tra i venti di mezzanotte,
sotto un manto
d'infinite stelle
meraviglia delle meraviglie,
desidero
col cuore agli occhi
all'apice dell'estasi
morire."
1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Il Viandante  

Questo autore ha pubblicato 31 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Che bello guardare gli uccelli volare

il loro dolce cantare sentire,

che bello guardare un animale

che bello un gatto accarezzare!


È sempre meraviglioso la natura guardare

ma mai da assassinare!

Perché anch'essa Iddio

ha voluto creare.

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Alberto Berrone  

Questo autore ha pubblicato 37 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Riporta il mare
echi di voci, 
tra conchiglie 
lievi, che posano
su sabbia. 

Riporta il mare
frammenti di 
velieri antichi, 
tra onde ora calme, 
ora violente, 
su scogli e litorali...
1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Morgana  

Questo autore ha pubblicato 141 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Ahimè, madre, voi vi prendete gioco dei figli vostri.

Ci fate sempre innamorar di chi mai ricambiarci potrà, ma fate anche infuriar d’amor per noi, persone, che noi non amiam ne mai ameremo, poiché siamo e saremo impegnati ad amar chi non c’ama e mai c’amerà.

Voi siete sadica madre, dovreste proteggere li figli vostri, invece voi c’illudete, la vita altro non è ch’una vana illusione.

La vita mia, como quella de l’altri figli vostri, l’è priva d’un significato, perché voi non avete mai voluto darne alcuno.

Ci dite che noi dobbiam dar significato a li giorni nostri, ma l’è na cosa impossibile, como possiam dare significato ad una vita che non è altro che basata su d’un illusion ?

Madre, voi li cuori li spezzate, voi manovrate li figli vostri, poiché siete annoiata e vi passate lo tempo usando noi. C’usate como nu burattinaio usa li burattini suoi, oppur fate como facea lo Dio dell’amor, che facea innamorar persone che fra loro l’erano incompatibili como l’acqua col foco.

Ci private delle nostre radici, facendo cadere li nostri nonni, li nostri genitori, ce li strappate, sradicate le loro vite e poi ci condannate alla sofferenza, che noi poveri stolti, cerchiamo d’attenuar con l’illusioni.

Cos’è la vita madre ? Vo dico io, la vita non è altro ch’un orologio, ch’al passar dell’ore, de li giorni, de li mesi, de l’anni si scarica, lasciandoci poi senza tempo.

Ed esta mancanza di tempo l’è lo nostro tempo che si ferma all’atto della nostra fine.

La vita l’è l’intervallo che separa il nascimento, dal morimento, noi, figli tuoi, non possiam far nulla per render esto tempo degno d’esser vissuto, perché l’è tutto vano, voi c’avete in mano li fili delle vite nostre, li movete como ve pare, e noi poveri figli, possiam solo sperare che voi non siate troppo giocondamente sadica con noi. 

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Davide Riggi  

Questo autore ha pubblicato 1 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Siamo così vicini
da non riuscire a toccarci
eppure lontani
restiamo avvinghiati

appeso ad un ramo
uccello gioioso
lui canta piano
allegro e festoso

io qua rimango 
lui vola lontano
un po' rido, un po' piango
in attesa di maggio.
1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: manny  

Questo autore ha pubblicato 19 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.



Sorge il sole
Illuminando il giorno appena sveglio,
l’aria è così limpida
nel cielo non c’è nuvola
che possa invadere il sereno
solo un leggero vento
che fa danzare allegramente le foglie.
Una piccola farfalla
vola felice
nuova stagione è arrivata
ed il freddo è ormai finito,
i primi fiori salutano festosi
accarezzati dall'erba
bagnata da rugiada mattutina.
Corrono le formiche come soldati
nel sentiero della vita appena nata.
S’alza un cinguettio festoso
di usignoli in amore,
mentre il sole
come in una favola
riflette la scena
di un'altra primavera.
1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: conca raffaello*   Sostenitore del Club Poetico dal 30-04-2019

Questo autore ha pubblicato 647 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Sparita la frangia di un sole incerto

il sorriso del mare

riflette luce e amore

tenera erba cresce alla rinfusa

fiori colorati danzano abbracciati sui prati

canti d’uccelli scampati al freddo

ritorneranno rondini e farfalle

indossandomi alla meglio

un nuovo vestito di foglie e fiori

come un pittore dipinge arcobaleni

la primavera ad ogni aurora

rinasce con tutti i suoi colori

la sua allegria scalda anime e cuori

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Alido Ramacciani  

Questo autore ha pubblicato 13 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.


Il bacio dell'inverno, 
ti protegge dal calore
dell'Inferno, che inganna
con il profumo di gioie 
vacue
e uccide come il cianuro
1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: carmine.elia98  

Questo autore ha pubblicato 7 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.