Guardando quella foto
di un giorno lontano,
ingiallita dal passare dei giorni 
come la spiga in una campo di grano.


Quell'effigie di un tempo volato,
come un baleno
nel cielo scoppiato.


Di momenti sereni,
al qual pensiero viene un sussulto,
per la malinconia, un doloroso singulto.


Come si era giovani e freschi,
in una posa scultorea,
ancor la speranza
gridava stentorea.


Ma di quei momenti poco rimane,
né tantomeno la speme
consumata dalle continue grane.


Di quella bellezza solo la traccia,
e un'immagine impressa
su un pezzo di carta straccia.


Ma nel cuore la gioia
dei fasti vissuti,
tiene lontana la noia
dei tormenti accaduti.  
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Antonio  

Questo autore ha pubblicato 21 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Perché, uomo di mare, volgi vela
E ruoti il timone affaticato a vuote sabbie?
Non ti ha il torrido rottame, la tua nave
Già mostrato quanto s'abbia poco da sperare
Nella sosta e nella quiete?
E quanto avere il piede saldo sul fondale
Non ne mostri sempre invece molle greto
Che ti fa affondare?
E il mare da che piatto
Non si agita repentino in tempeste?

Su questo limo litorale stasi non avete
O marinai, e neppure movimento
Vi consentono le fondamenta inquiete
O il nero vento che sale dalle acque
Qui restan nelle fosse le navi dei valenti

Se dunque né pace né tempesta è diseguale
E all'acqua non c'è cosa a cui ancorarsi
Presto ripartite a veleggiare
Non v'è illusione nell'infinito agitarsi del mare
E ha più valor entrandovi disfarsi
Che inabissare 
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Ealain  

Questo autore ha pubblicato 97 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Endecasillabi in rima alternata


Sempre canta quest’attempato varco    
l’aspra melodia de la solitudine              
e, abissato nel grigior del sospiro,
mi vien il dì venuto, e l’inquietudine
pel dì che verrà m’opprime il respiro.
E come volgo lo sguardo di sotto,
vedo este vie, esti tetti e ‘sti populi
che da dove vien l’opima stagione
dismenticano. E lì, graffianti scrupuli
di coscienza fan dormir la ragione,
inquieti lenzi fan ballare il cuore
che un poco si sperde nel naufragar
in ‘sto conosciuto mar, e l’amore
perduto cercando di ripescar.
Ignoto vo non lasciar il mio petto!

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Plumbè  

Questo autore ha pubblicato 5 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

E se un giorno 

fossi tu a non piacere?

Se un giorno all'improvviso

qualcuno decidesse 

che i tuoi occhi e quelli come i tuoi fossero sbagliati? 

Se ti scacciassero di casa o dal tuo paese 

perché i tuoi capelli troppo neri o troppo biondi non fossero graditi? 

Cosa faresti tu,se all'improvviso

da un momento all'altro

qualcuno ti vietasse di vivere 

lì, dove libero fino a ieri 

hai vissuto? 

Cosa diresti tu, se nessuno 

ti affittasse casa,o ti desse un lavoro,

perché non gli piace il tuo odore,o il tuo dialetto così paesano,e quelle mani ...?

Così lunghe o troppo scarne 

e che ne so forse solo perché per i suoi canoni sei brutto.

Grideresti? Ti batteresti? 

Dì, tu cosa faresti?

Se un giorno all'improvviso 

 qualcuno così dal niente decidesse che tu,
e quelli come te,
al mondo niente piu contasse ?

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Marina Lolli  

Questo autore ha pubblicato 140 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Il mondo intero non è una breve scena
il sorriso, il pianto,
la gioia e il dolore.
Sono presenti in ogni parte
con le loro alte penombre.
I bagliori della della ragione
quelli della fantasia
mostrano l’inquieta via.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Francesco*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 04-10-2023

Questo autore ha pubblicato 33 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Ormai è quasi Natale... - IlMioGiornale.org

Vorrei che voi vi dimenticaste

almeno per un giorno

che c'è qualcosa di molto più importante

potrebbe far riflettere e dar speranza

Natale esiste ancora

e non è una cartolina

che dopo un po' ti stanca e la butti via.

Vorrei che voi capiste

che almeno i bimbi non devono piangere

dentro le rovine di noi grandi.

Un Natale per non dimenticare

una carezza che può far sognare

una vita che nasce per amare.

Vorrei che tutto questo si avverasse

un Natale senza campi di inutili battaglie

tanti bimbi che sorridono per strada

è il più bel regalo che si possa dare

la pace dentro un immensità di cuori

ed urlare ad alta voce senza aver paura.

Questo si che è Natale!

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: RAFFAELLO CONCA  

Questo autore ha pubblicato 699 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.



(Domitilla e Cornelia )


"Tilla, come si affronta un brutto periodo?"
" Con la consolazione che dopo la tempesta torna sempre il sereno."
"E se dovesse piovere per sempre?"
" Lia, un ombrello e due pensieri positivi contribuiranno al ripristino della concentrazione e vedrai che un piccolo raggio di sole fenderà le nuvole scure":
 "E se anche il sonno fosse poco tranquillo ?"
 " Vorrà dire che conterai le pecorelle !"
" Tillaaaaaa?" 
"Ma Lia, devi essere pronta a farti andar bene tutte le ipotesi "
" questo non renderà il tutto meno faticoso Tilla"
" passami il cuscino Lia, rimandiamo a domani ogni preoccupazione ."
" Stò già sbadigliando , notte." 

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Caterina Morabito*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 14-03-2014

Questo autore ha pubblicato 919 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
(Domitilla e Cornelia) 


"Ma in fondo poi cos'è l'amicizia?"
"Un miscuglio di buoni sentimenti Lia, basati sulla fiducia,  sul rispetto e sulla lealtà."
"In teoria?"
"Ti sembra un concetto astratto Lia?"
"Si Tilla."
"Sorrido, ma prima o poi ti spiegherò la differenza fra i concetti astratti e quelli concreti, i momenti migliori e peggiori ,
le salite e le discese, i successi  e le avversità, le  responsabilità e le opportunità, anche se sono sicura che lo capirai da sola."
"Come vivendo?"
"Al di là delle  mie parole maldestre , si!"
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Caterina Morabito*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 14-03-2014

Questo autore ha pubblicato 919 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Questo giorno
si è allestito con l’allegria;
ha scorto l’aurora e il tramonto,
il gesto, lo stupore,
per colorare le ore.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Francesco*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 04-10-2023

Questo autore ha pubblicato 33 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
(Domitilla e Cornelia) 




"E quindi i biscotti scaduti vanno nell'umido?"
Si Lia, insieme a due/tre persone che conosco
è giunto il momento di dire addio, come il cibo hanno perso la loro capacità di conservazione ."

" Ma dov'è riportata la loro data di scadenza?"
"Nei fatti Lia, nei fatti."
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Caterina Morabito*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 14-03-2014

Questo autore ha pubblicato 919 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
(Domitilla e Cornelia) 

" Tilla , hai sentito ? Presto una nuova materia si studierà a scuola: educazione all'affettività, per una buona relazione interpersonale , io sinceramente ho i miei dubbi." 
"Capisco il tuo punto di vista Lia, anhe i dubbi sono leciti , quindi oltre alle discipline umanistiche e scientifiche , si insegnerà anche l'affettività."
" Il rispetto, la tenerezza, la devozione, la gratitudine, i sentimenti , le emozioni , tutto questo Tilla?"
"Cosi sembra! Se coinvolgerà anche i genitori sarà cosa buona e giusta, perchè bisognerebbe fare prevenzione partendo dalle famiglie è li che un bambino forma  il suo carattere e poi crescendo lo proietta al mondo "
"vero Tilla, l'atmosfera che si respira in famiglia gioca un ruolo fondamentale ."
"Lia, non è facile , ma credo che l'accettazione, l'amore e la libertà per un bambino sono degli strumenti necessari per affrontare il mondo ."
"Sono tutti buoni propositi ."
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Caterina Morabito*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 14-03-2014

Questo autore ha pubblicato 919 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
(Domitilla e Cornelia) 



" Tristemente leggo 106 donne uccise dall'inizio dell'anno "
"si Lia, la crudeltà non conosce età, tutte donne stritolate, abusate da relazioni tossiche ,
possessive, insane,
che brutta realtà, credo che  non può più essere ignorata."
"Allora che si fa Tilla?"
"Bisogna urlare , lo sò non mi riesce di parlare piano , bisogna  URLARE FORTE ,  scappare !"
" Che oltraggio, da grande sceglierò con cura chi avere al mio fianco e non starò mai in silenzio ."
"Il tuo è un messaggio forte Lia, ricorda però che non esiste il  ragazzo perfetto, non c'è un manuale d'istruzione che  t'insegna a scegliere ,  imparerai da sola a riconoscere e a conoscerlo dai suoi  comportamenti ."
"Tilla, ci sono delle regole ?"
"Ci sono dei particolari che ti faranno capire se è giusto costruire un futuro con lui o interrompere subito, Lia,
tu non avere mai paura di dire ciò che ti passa per la mente , confidati sempre , parlane , ricorda che da un bacio ad uno schiaffo è un attimo e raccontarlo non  sminuirà  MAI il tuo essere donna , ma ti aiuterà a non essere  mai sola ."
" Promesso."




(BASTA ALLA VIOLENZA SULLE DONNE)
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Caterina Morabito*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 14-03-2014

Questo autore ha pubblicato 919 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
( Domitilla e Cornelia) 

Tilla , oggi il mio pensiero va a Giulia , “

“ si Lia ,  un’altra giovane donna  è volata in cielo per mano di un uomo. 

È evidente che ci sono tanti uomini che non si sognerebbero mai di fare cose del genere”

 “ sicuramente Tilla “

“ ma la cronaca ne è piena, così corposa e a cadenza costante, ma comprendere le cause non è possibile , non ci sono scusanti , motivazioni, chi usa violenza non si può chiamare uomo , ma debole, spesso è il mostro  che ti dorme  accanto .”

“  … pensare di difenderti da chi ti dovrebbe difendere  è atroce . “

“ Lia non bisogna stare in silenzio , bisogna raccontare , denunciare, chiedere aiuto , confidarsi , non vergognarsi a mostrarsi fragile e non continuare a giustificare troppo a lungo la violenza dei propri compagni.“

“ si Tilla , ora voglio  guardare il cielo , ciao Giulia .“

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Caterina Morabito*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 14-03-2014

Questo autore ha pubblicato 919 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
(Domitilla e Cornelia)


“ Sono  molto indignata Lia, indignata e affranta”

“ perché Tilla”

“ perché  poter vivere  è diventata una decisione degli altri , ma io dico abbiamo o no il diritto di essere curati fino all’ultimo respiro , abbiamo il diritto di morire per mano del Signore o secondo la nostra  volontà, abbiamo diritto di avere sostegni vitali, consulti e pareri medici  , trasferimenti in altri presidi , avere speranze , un miracolo , sostenere la famiglia che già  soffre e lotta per  la persona che  è nata con una terribile patologia o troviamo molto facile sopprimerla perché incurabile ?”

“ Tilla, credo  siamo tutti a rischio e che la vita è un dono troppo importante da difendere ”

“ Lia , da ora in poi avremo paura di mettere al mondo dei figli, perché nella malaugurata sorte qualcuno può decidere al posto nostro se farla vivere o no!”

“Tutto ciò è terribile “

“ vero Lia , terribile .”

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Caterina Morabito*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 14-03-2014

Questo autore ha pubblicato 919 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Un altro anno é trascorso
da quando abbandonai il ventre di mia madre,
da quando vidi per la prima volta il volto di mio padre.

Aumentano gli anni
e con essi gli affanni,
i capelli bianchi,
i sogni infranti.

Un altro anno é passato
da quando la clessidra della vita fu girata,
dando inizio al conto alla rovescia.

Non si ricorda il primo respiro,
la prima boccata d' aria fresca e pungente,
la prima volta che osservammo le fattezze della gente.

Ma si sa, che si piange di paura
perché a veder tutto quel trambusto
il piccolo cuore si spaura.

Crescono i ricordi dei tempi passati,
son sempre più sbiaditi
nei meandri della mente affollati.

Un'altra candelina sulla torta
si consuma, come il filo della vita
che si accorcia pian piano fra le dita.

C'è meno tempo a disposizione
ma qualche sogno in più da realizzare,
non resta che affrettarsi perché il futuro non é sicuro,
ed é meglio non tergiversare.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Antonio  

Questo autore ha pubblicato 21 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.