In questa estrema pausa tra i solstizi

io l’ho perso, le parole sono già finite,

in cerca di un obbiettivo di un calamaio

con cui scrivere febbrile le mie emozioni.

Ma sotto sforzo taciuto da queste imbracature

sto sospeso tra infiniti fili

sopra ad un abisso la cui paura genera cordoglio

profonda tale da rabbrividire le tante forze.

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Fone  

Questo autore ha pubblicato 8 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.