Gravosi pesi scivolarono

nell'oblio dell'incoscienza

e tu osservasti con occhi lascivi

un frizzante ruscello.

Avevi sete e ti dissetasti

ma non ti bastò,

la brama era intensa,

impressa nel tuo sguardo

l'avidità scalpitava.

Nient'altro emergeva

da quelle piccole fessure.

L' impetuoso ruscello

da tempo l'amore attendeva

per dissetarlo con le sue acque.

Ciò che vide riflesso

le rendeva torbide.

Abituato a cristallini bagliori

con immenso dolore

chiuse gli argini

vietando all'avidità

di bere ancora.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: genoveffa frau  

Questo autore ha pubblicato 351 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.