E quando la sera sarà arrivata,
supina la mia salma sarà posizionata,
tutt'attorno un'aria di mestezza,
anche se non ero questa gran bellezza.

Mi saluteranno amici e conoscenti ,
qualcuno piangerà con i miei parenti,
io sarò lì immobile e inerme,
in attesa della compagnia di qualche verme.

Gli occhi chiusi a guardare il soffitto,
mentre il cuore di qualcuno sarà trafitto,
mi accarezzeranno la fredda fronte,
in attesa che arrivi il mio Caronte.

Non avrò di certo più paura,
delle mie spoglie si prenderanno cura,
dei soldi sicuramente mi saran avanzati,
più di tanti non ne ho mai consumati.

Non faran le cose con mano avara,
un loculo asciutto ospiterà la mia bara,
poi il mio nome su un bel marmo di Carrara,
e diventerò mio malgrado una persona cara.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Stornello Meneghino  

Questo autore ha pubblicato 216 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.