Il segnale lo riconosci anche tu,
un lettino bianco su fondo blu,
vi ci si reca sempre con apprensione,
temendo notizie fonte di preoccupazione.

Il parcheggio è spesso un dilemma,
considerando che non è prevista flemma,
il dottore potrebbe non aspettare,
e a casa senza esito potresti tornare.

Entri poi nel vetusto nosocomio,
camici bianchi a cui va un encomio,
un numero di stanza che ti aspetta,
un medico pronto con la sua ricetta.

Puntuale sei come un transalpino,
sulle gambe posi il tuo giubbino,
il tuo cognome odi uscir da quella porta,
ti alzi di scatto e prendi una storta.

Ascolti tutto con pacata attenzione,
invariata sembra la tua situazione,
ora in ortopedia dovresti andar con premura,
la storta al piede ti sembra esser una frattura.

Rinunci però a recarti al pronto soccorso,
evitando di raccontar ciò che ti è accorso,
ti dirigi quindi all' automobile mezzo rotto,
e trovi un bel verbale sul tuo lunotto.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Stornello Meneghino  

Questo autore ha pubblicato 216 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Alberto Berrone
# Alberto Berrone 31-12-2021 17:10
Molto simpatica la tua poesia. Buon anno! :-)

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.