I loro bambini chiedono
se la bomba non sia un giocattolo arrabbiato
come quei robottini che
non rispondono ai comandi.
Poi si ravvedono - dev’esserci
un motore umano artefice
di tanto caos malvagio.
Si nascondono tra i seni
piccole bandiere
incendiate di solo amore.
I passi fuggono, le bandiere tremano.
- Piccolo mio non piangere
è un gioco
facciamo solo finta che sia vero.
Quando finirà canteremo pace
i nostri fiori d’altr’anni
innalzeremo
nel cielo senza polvere.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Rita Stanzione*   Sostenitrice del Club Poetico dal 18-07-2015

Questo autore ha pubblicato 746 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Tonino Fadda
# Tonino Fadda 19-03-2022 11:02
Stanotte ho fatto un sogno che non avevo fatto mai, sognavo che gli uomini non combattevano più!! Tonino Ciao

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.