Ho innalzato una stanza con dentro le cose

       - scrivania, il letto di un prete, lo sciame -

        e sulla parete il lago sempre fermo.

        Io sento che mi importa e non mi importa

        di chi è andato a

        nascondersi negli oggetti -

        persino il ricordo ormai stenta

        a farsi pianto.

        Ma un fazzoletto scozzese diventa di colpo il colle rosso
        dove i tramonti hanno sorriso almeno una volta,
        sposatissimi nell'anima a una canzone dei boschi,
        come hanno fatto le foglie su Rigel.




1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Alberto Automa*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 24-02-2012

Questo autore ha pubblicato 1056 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Simone
+2 # Simone 13-07-2022 11:27
semplicemente mi piace molto.
Un saluto cordiale
Ibla
+2 # Ibla 14-07-2022 08:29
Ma quanto sei bravo?
Adoro leggere le tue poesie!
Un saluto da Ibla.
Catilina
+1 # Catilina 14-07-2022 09:29
semplicemente.. . ottima...
Alberto Automa*
# Alberto Automa* 14-07-2022 11:26
...Simone, Ibla, Cati, grazie per l'attenzione un caro saluto e buona estate :-)

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.