Negli inverni freddati dalle pene,
negli agosti di rabbia arroventati,
d’autunno, al pianto delle foglie,
in tante scoraggianti primavere,

ho provato a sognar serenità.

La voglia dei miracoli svaniva
e davo colpa al solito destino.

Un saggio incontrato nella vita
mi consigliò di non pensare al fato
e di guardare attentamente il tempo
da non confonder coi malanni dentro.

Così, nell’accader delle stagioni,
mi incantò il tepore d’un camino,
non mi bruciai al sol sulla scogliera,
apprezzai un’edera ribelle
e l’ombra donata dal mandorlo in fiore.

Assorbendo bellezza allor m’accorsi
del valido ripristino del cuore.
Emigrai nel sito delle smanie
per osare di più immerso nei sogni
alla ricerca del gusto della felicità.

*
Stesura 05/08/2022
Poesia vincitrice del Contest Poetico Online POESIA FILOSOFICA, Sezione Freud, organizzato dal Gruppo Riflessi di Poesia (2022) ispirata al tema: “Forse c’è qualcosa di peggio dei sogni svaniti: perdere la voglia di sognare ancora.” (S. Freud)
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Aurelio Zucchi*   Sostenitore del Club Poetico dal 04-03-2020

Questo autore ha pubblicato 435 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Tonino Fadda
# Tonino Fadda 02-10-2022 12:35
Santo cielo mi inchino davanti a così tanta meraviglia Tonino

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.