Sgusci e ti scansi dalla corrente,
ecco i vermi di mare,
lesti e insidiosi da catturare,
come i binari della tua mente.

E quest’angoscia assurda ti divora,
da troppe settimane
frenetica è l’attesa senza fine,
tutto volge a puttane,
Il tempo incede, ormai è giunta l’ora
di oltrepassare l’angusto confine,
luci di lampadine,
tua madre nella stanza che ti parla,
vorresti ora abbracciarla,
ma invece si dissolve lentamente.

Corposa si avvicina la corrente,
fuggon vermi di mare.
interminabili nella mente,
impenetrabili da scardinare.

Scende la notte, lei risorge immensa
con il sorriso afferra la tua mano
e bacia lieve in fronte,
scotta di febbre, l’accarezza piano
le gocce fan condensa,
sussurra che le ancelle sono pronte
a salir dalla valle incontro al monte.
Ti dice: –Io sto bene,
non portar nel tuo cuore troppe pene,
la vita sai non mente-.

Adesso ti consiglia la corrente:
-Prendi vermi di mare-
incastonati dentro la mente,
inconcepibili nel loro andare.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Aug94  

Questo autore ha pubblicato 42 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.