Brillo d’azzurro, venendo dal mare,
fui attratto da strani capelli
con colori cangianti all'istante
al posarsi d'ogni raggio di sole
tra foglie, spine, petali e steli.

Nel nero, nel castano, nell'argento,
nel biondo e nel rosso di quei crini
e negli occhi, blu, verdi, chiari e scuri
in rapida sequenza vidi donne,
fanciulle, giovani, mature e vecchie
nelle pose che natura vuole.

Se ne stava, direi quasi nascosta,
all’ombra di un roseto strepitoso
ma di maggio non era quel mattino.

Oh poesia che vieni a sostegno,
lei era bella, non aggiungere altro!

Mi avvicinai per conoscerla un po’
ma lei si ritrasse quasi avesse paura.
Poi apprezzò l'ingenuo mio fare
e sedemmo sul sasso del tempo che va.
Domandai se si fosse smarrita
e se qualcuno la stesse cercando.

Tranquillo, mi disse, mi cercano tutti.
Succede che a volte mi trova chi insiste.

Qual è il tuo nome, cauto le chiesi.
Mi chiamo Felicità!
Guardai mille rose fare un inchino,
cercai di afferrarla con tutto me stesso
ma quell’incanto nel frattempo svanì.
Nell’erba germogliò un girasole.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Aurelio Zucchi*   Sostenitore del Club Poetico dal 04-03-2020

Questo autore ha pubblicato 446 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.