Nei vicoli malconci
L’odore dei panni stesi,
per terra dormiva un uomo
ma i passanti non erano sorpresi,
gli aggiustai quel cartone
che usava come coperta
mentre usciva un profumo di
castagne da una finestra aperta,
non capivo perché provavo così tanta emozione
e perché piangevo: infondo era solo un barbone!
In un attimo mi sentii un figlio che non valeva niente,
quel ricordo amaro alberga nella mia mente,
La preghiera in quel caso non fece miracoli
Dio non passò per quei vicoli di Napoli.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: GENNY CAIAZZO  

Questo autore ha pubblicato 80 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.