Difendo questo amore

Accettando anche il dolore,

col sentimento si sopporta

della gente non mi importa,

gli attacchi si sciolgono come neve

l’offesa qualifica chi la fa non  chi la riceve,

vado avanti e non mi arrendo

questo amore lo difendo,

ho imparato a spiccare il volo

la felicità me la prendo da solo,

crederci sempre è importante

anche se dovesse durare un istante,

non chiedo a nessuno il permesso

voglio rispettare solo me stesso,

le persone che ci hanno giudicati

hanno un armadio pieno di peccati,

noi comunichiamo con la voce del cuore

da tutto e tutti difendo questo amore.

 

Genny Caiazzo

 

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: GENNY CAIAZZO  

Questo autore ha pubblicato 88 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.



1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giuseppe Buro  

Questo autore ha pubblicato 62 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

I sogni che vorrei provare a fare
m’inseguono soltanto in un’idea.
M’illudono di fronte a labbra rosse,
mi stancano d’attese troppo lunghe.

Se fosse facile volare,
se almeno un’ala avessi addosso,
mi alzerei di un solo metro
cantando vita a squarciagola.

Se poi ne avessi due,
rincorrerei la densità dei venti
e la separerei con molta cura
confezionando doni d’alto costo

per le mie albe ad aspettare,
per i mattini d’occhi stanchi,
per certe sere in pizzeria,
per tante notti senza sonno.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Aurelio Zucchi*   Sostenitore del Club Poetico dal 04-03-2020

Questo autore ha pubblicato 398 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
C’è un sorriso
dall’altra parte del tempo
che non incontra
un pianto innocente

C’è un bacio appassionato
che fiorisce brividi dentro
e non sente lo strazio
di luoghi sommersi

C’è un mondo forse
dove la familiare serenità
passa dal terrore altrui
dove ogni volta che ridiamo
scoppia una bomba
e le nostre farfalle
restituiscono l’eco
di un bruco morto
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Mark  

Questo autore ha pubblicato 51 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Il vento ha condotto
il tuo pensiero a me,
senza chiedermi il perché
ho ascoltato il tuo cuore.

Mi ha parlato di solitudine
e bagliore d’amore
che come dolce embrione
è nato in te con affetto e rispetto.

Torre vitrea hai innalzato
in difesa da nuova sofferenza
dissolta dalla mia volontà
nel ricambiare la tua stima.

Patir non devi più
ma viver un’amicizia vera
che con cuor sincero
offro alla tua anima in pena.

Pazienza la mia non è
bensì piacevole costanza nel capirti,
mostrarti che bene ancora c’è
per chi lo vorrà e anche per te.

Il cuore non è mai di cemento
pronto ad accogliere semi
di nuovi fiori per cancellare
in te ricordi blasfemi.

Non giudicare chi è pronto solo
a criticare e condannare
arricchisci la tua vita
con fede e carità.

L’amore poi arriverà da chi
non ti vedrà come amico
ma uomo nobile e bramante
da tener vicino ogni istante.

L’amicizia dono del Cristo è
sacra per me e per te
tale è e sarà
da qui all’eternità.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Veronica Bruno*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 13-04-2021

Questo autore ha pubblicato 179 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Se aspetti che mi sbilanci non lo farò
se vuoi giocare per favore anche no,
dammi verità se vuoi che mi sblocchi
tieni la bocca chiusa e fa parlare gli occhi,
spesso è l'istinto che il cuore vuole
non servono tante parole,
anche se ti sento scorrere nelle vene
non sarò quello che ti conviene,
l'amore non ha comandi e non ha ruoli
se non c'è fiducia meglio stare soli,
non chiedermi cosa provo non te lo dirò
se miri solo al letto per favore anche no.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: GENNY CAIAZZO  

Questo autore ha pubblicato 88 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Non dimenticare mai
quella lanterna preziosa
che per illuminare il tuo cuore
un giorno primaverile ti donai, riscaldando con l'essenza
del mio essere
il grigiore dei tuoi giorni
all'ombra della tua tristezza,
non dimenticarmi.
E non dimenticarmi,
quando mi volterai le spalle
chiudendo gli occhi al passato,
e soffiando sulla sua fiamma spegnendo quell'amore
per la quale hai vissuto
una nuova stagione
colma di pace, brio e felicità
che ti hanno salvato
dalla fossa interiore
ove hai sepolto
tutte le tue speranze
nel dolore assordante
della caparbia rabbia,
nella quale affogavi te stesso,
ed io ti ho soccorso
come un angelo custode!
Non dimenticare che,
nella scoperta
delle nuove emozioni
che or colmano
il tuo cuore colorandolo
di nuove tonalità dettate dall'istinto imprevedibile
che gonfia il tuo volere
come una mongolfiera in fiera,
lo lasci volare alto
nella volta celeste
della tua anima
che credevi persa
nelle acque immote,
intorpidite dai vecchi tormenti che affliggeva il giardino secco della tua terra fatta
d'anima opaca e sola
sbiadita nei lamenti
dei tuoi stridori,
l'abbandonasti senza scrupoli,
ed io la trovai
come una rosa
nel mare in piena tempesta,
curando la sua essenza
da tutte le sue cicatrici,
leccando le sue spine
non curandomi di ferirmi
insieme a te!
Ti prego, non dimenticarmi mai
in un'altra occasione
che or ti rapisce lontano
senza conosce il suo bene
nel suo miele,
anche se il suo di sapore
è amaro al mio palato
mentre assaporo il dolore
delle mie lacrime d'addio
che mi hai lasciato
come crisantemo alla sua tomba
per commemorare quel che fu , non dimenticare mai, ti prego,
ciò che è stato fatto
per amor per te
perché la luce
puoi anche spegnerla tu,
ma l'essenza dell'olio magico creato dal vero amore
non te lo donano mai tutti
devotamente solo per te,
e or ormai mi basta sol questo.
Non dimenticare mai.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Laura Lapietra  

Questo autore ha pubblicato 69 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
'O 'i' lloco ll'autunno...è appena turnato:
quanta frutta bbella e bbona ha purtato.
Frutte d' 'a staggione, noce, 'e nnucelle,
se pavuneggiano 'int'a llarghe spaselle.
Sporte chiene d'uva bbruna e jonna 'int'ê tine,
songhe bbelle e ppronte p'addeventà vino.

'O tiempo ogn'anno fa 'o cagno 'e staggione,
spanne nterra tanta foglie ggialle e arancione.
Ncuollo porta nu manto 'e passione autunnale:
nu tappeto tutto culurato 'e russo carnale.
Poco â vota 'o juorno s'accorcia sempe 'e cchiù,
'o cielo è spisso cupo, nun è cchiù ttanto blù.

Ma quanno nasce 'o sole na voce avvellutata
se sente 'int'a ll'aria fresca e ffrizzantina:
na femmena ntanto ca stenne 'o bbucato,
chiacchiarea cu ll'aria fresca d' 'a matina.
Na rundinella cu 'e sscelle nfreddulite,
se sente tutta triste, sola e spaisata:

ha dda ghji addó ll'aria è cchiù ddoce
e se nne va assaje triste e scunsulata.
Saluta a mmalincuore, nun vulesse lassà,
nun dice addio e pprumette ca turnarrà.
È notte...s'appicciano 'e lluce 'int'ê ccase,
ncielo na luna janca e ttonna fa 'a vastasa.

'Int'o fuculare s'arrusuleano 'e ccastagne
nu mbriacone ciuotto 'e vino s'appapagna.
Na fuglietella rossa d' 'o ramo se stacca,
nu cuntadino 'a legna p' 'o camino spacca.
Nu sciore vicchiariello e ttutt'appassito,
se sente sulo mmiez'ô prato sguarnito:

acala 'a capa e tutte 'e petale se scrolla,
nfin'a qquanno rrummane sulo 'a curolla.
Torna vierno, 'e ciuocche scenneno lieve lieve,
ncuorpo nu forte calore squaglia 'a neve.
Ntanto ca 'e juorne passano fra 'a matina, 'a sera
s'aspetta chella rondine ca torna a pprimmavera.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 159 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Tornai ove l'om s'abbandona
Alla verde brezza d'estate,
Tra dorati lidi di viridi sospiri.
M'immersi nel silenzio d'una voce:
Fresco fruscio di mille parole.
Cadde una stella ninfata
Dall'aurea stirpe di Morfeo,
Placandosi sulle rive del tempo,
Per mostrar come candida seta
Sua grazia di camelia ,petali di perla,
Su limpidi specchi di Bianca memoria.
Tra profumi di ricordi,
Tra dolci sussulti d'ombre marine
Riconobbi i segni dell'antica fiamma.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Alessandro Pagni  

Questo autore ha pubblicato 6 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Lunga è la notte
si libera il rumore del silenzio
permettendo alla fantasia
voli oltre pareti sottili
palpebre indecise tra il voler
barricare scene d’amore
piccole gioie che permangono
limpide ad allietarle
o rimanere aperte a riflettere
sul giorno appena trascorso.

Ma la mente è stanca, soccombe
e s’abbandona lasciandosi cullare
dal pensiero di nuvole
che l’indomani
spalancheranno la porta
a nuovi attimi da dover vivere
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Veronica Bruno*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 13-04-2021

Questo autore ha pubblicato 179 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Se ti spiegassi di me

ogni sintagma

potrei morirti ai piedi

Ma poi perché dovrei?

Non capiresti il senso

il quando… il come...

Non capiresti un cazzo

- Sarà il bianco spessore dei silenzi al tramonto

  a parlarti di me -

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: sasha  

Questo autore ha pubblicato 200 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Due persone su un piccolo campetto,
un arbitro seduto senza fischietto,
tutti gli occhi su una tonda palla,
che alla vista si presenta gialla.

Sia su terra sia su cemento,
essa è in forte movimento,
tra un diritto e una smorzata,
con arguzia va indirizzata.

Un nastro bianco tra i contendenti,
alto poco meno di un metro e venti,
quando per sbaglio si prende la rete,
per le imprecazioni portati un prete.

Per i punti occorre un pallottoliere,
meglio se presente anche un ragioniere,
tanto fatica si fa con il braccio,
mitigata alla fine con caldo un abbraccio.

Le regole allora son elencate!
quindi ancora seduti che ci fate?
prendete in mano la racchetta,
e andate a giuocare in tutta fretta.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Stornello Meneghino  

Questo autore ha pubblicato 84 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
In un tempo
in cui gli animi
son rinchiusi
in triste mura
spieghiamo
le vele dei cuori.

Come colombe
di pace
giungiamo
in ogni dove
portando via
da ogni anima
questa mesta agonia.

Lontani, ma pur vicini
stringiamoci
in sinceri abbracci
donando serenità
nell’attesa di tornare
alla desiderata normalità.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Veronica Bruno*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 13-04-2021

Questo autore ha pubblicato 179 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Baciami.
Baciami con tutto l'amore
che ti esplode nell'anima,
Baciami fino a quando
la notte incontrerà
le prime luci dell'alba,
baciami con tutto te stesso! Avvolgendo d'invidia
le onde del mare
che tentano di separare
i nostri corpi abbracciati
e sospinti dalla bramosia
di passione l'uno verso l'altro!
Baciami, baciami intensamente fino a sputare l'anima dal cuore.
Kiss me, my love
Kiss me, forever!
Fino a quando resisteremo
in questa tempesta d'amore travolgente e passionale
come non mai.
Kiss me, forever.
My love, fino a dimenticarci
che non siamo fatti
solo di carne e ossa,
ma solo di anima e amore!
Solo venustà ed emozione,
solo cuore e sensazione.
Kiss me,
solamente fino a quando
il cuore batte come
un tamburo pazzo!
Baciami amore mio,
baciami fino all'ultimo
verso d'alito che ci rimane.
Kiss me, forever my love!
E sarà immensurabile sentimento
che brucia nella voglia di amare. kiss me è sarà per sempre
amore vero il nostro,
oh dolce my love!
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Laura Lapietra  

Questo autore ha pubblicato 69 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Scarica sfondi ambientale concetti, arcobaleno, girasoli, primavera,  albero, cuore, amore per il pianeta per desktop libero. Immagini sfondo del  desktop libero



Rondini nel cuore a migrar ed attender primavera

andar e tornare con la speranza di chi sempre spera,

rondini a volar nel limpido cielo..

Oh cuor magnanimo ed indulgente

a propinar amor t'affretti ad intermezzo rilassante..

Cuor ad altre voci sei in ascolto,

alla ricerca di un futuro, d'un oasi d'amor capiente.

Sfumano nubi e ancor la primavera tace all'orizzonte,

caparbia inesistenza avvolge la presenza,

fumi svaniti e caparbie illusioni.

Primavera t'attendo ogni anno come sempre,

arrivi ma siamo distanti, chiami e non rispondo..

Oh primavera sei un sogno fattosi stanco!



1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Adele Vincenti*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 13-01-2021

Questo autore ha pubblicato 90 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.