Il nostro essere


Un’abitazione 

Costruita nel tempo  

Mattone per mattone 

Con muri portanti 

Fatti di scelte ponderate 

Tappeti 

Dai ricami un po’ insoliti 

Lenzuola 

Impregnate di emozioni 

E finestre 

che talvolta spalanchi 

Lasciando entrare una folata di vento 

Che stravolge ogni forma di ordine 

Ma ti permette di rinnovare l’arredamento

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Invisibilia  

Questo autore ha pubblicato 5 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Tra la ferita e i suoi margini un salto della pelle.
Il precipizio a filo di cuore.

Nel vuoto c'è tutto in sostanza, dove latita la forma.

Delle assenze e delle mancanze
disserterei con te e anche dei fantasmi malinconici.

O almeno ti parlerei dei miei, delle loro bocche sospese.

Della parole che non hanno fatto in tempo a dirmi
o non ho fatto in tempo io ad ascoltare.

Delle ombre che mi accompagnano sottili.

La morte lascia indietro qualcosa, se lo scorda vivo.
Ed io lo aspetto qui nella carne dei giorni.
Anche se so che il resto se l'è preso, canaglia.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Sabyr  

Questo autore ha pubblicato 276 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Elaborare, di continuo,

come il dolore della nascita

stipati in un tunnel buio.

Morsa soffocante

come polmoni in lotta con l’acqua.

Servono nuove contrazioni

necessita voglia di rinascere e

urge forza, tanta…

Vietato tornare indietro  

c’è una luce che attira a sé.

La vita impone corridoi bui

per esplodere a nuova pelle.

Forte l’espulsione e poi il vagito

come quella prima volta

come ogni volta la vita

come ogni giorno l’alba…

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giò  

Questo autore ha pubblicato 242 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
In cielo
il primo quarto di luna
come quadro sospeso
in qualche parte del mondo
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Carmine Ianniello  

Questo autore ha pubblicato 108 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Quand'anche immenso arrivasse il giorno,
non lascio i sogni che mi stanno addosso.
Ho detto basta e non affido al tempo
il dispiegarsi delle aspirazioni.

Distratto guardo tra un sonno e l’altro
la luce quando picchierà sul muro
e conto intanto il numero dei giri
seguendo il lungo volo del gabbiano.

Immane, ecco un sorriso farsi largo,
le corse a perdifiato lungo il molo,
il placido solcar acque lontane
di un veliero o forse no… è un gozzo.

Riverbero nessuno alla finestra
molesta nel frattempo l’abbandono.
E’ chiaro che lo scuro tiene banco
e già m’appresto a ritentare il volo.

Mi trovo adesso al centro della Terra
e i battiti del cuore più non sento
così come li sento all’apparire
di bionde trecce dietro al davanzale.

Desista l’alba dal venire presto
a far distrarre il principe e l’amore.
Nel letto mio mi giro e mi rigiro
e chiudo gli occhi per vedere meglio.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Aurelio Zucchi*   Sostenitore del Club Poetico dal 04-03-2020

Questo autore ha pubblicato 356 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Pochi oggetti, 
abiti alla rinfusa, 
sandali. 
Sotto la neve 
migliaia di profughi, 
in Bosnia, 
bloccati per
inadempienze
varie... 
AIUTIAMOLI, 
in un mondo contagiato, 
non uccidiamo 
la solidarietà.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Morgana  

Questo autore ha pubblicato 190 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Uscito di casa il freddo mi assale.
Risale velocemente le membra,
Mi percorre la pelle,
il sangue,
le ossa;
Giungendo all'anima irrequieta.
Qui si placa.
Non lo sento più.
Penso di averlo vinto,
Di essere riuscito a scappare da lui.
Ma come una rondine d'inverno,
Ha creato il suo nido in me.
È ormai un rumore monotono
di cui non distinguo le note dalla melodia della vita.
È parte di me.
Ma un giorno ritroverò la tiepida casa.
E la rondine lascerà il suo nido.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Lava  

Questo autore ha pubblicato 17 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Esplode intorno a me
l'immensità del Mare.
D'indaco e d'azzurro
e di Sole
si tinge l'aurora.
Plana un Gabbiano
sulla vela bianca
dalla brezza sospinta.
Mille mila voci
e giochi di bambini
sulla spiaggia.
Passi svelti
sulla sabbia bollente
e due ragazzi tra le dune
che amoreggiano acerbamente.
La forza del Mare
distratta
dalla tenerezza
dell'amore.
E l'orizzonte
che verso sera
sanguina di tramonto.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Loris Marcato  

Questo autore ha pubblicato 187 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Tremendo...non ho pace

non s'arresta il dubbio

che il tuo corpo più non c'è

m'ero alzato già convinto

di vederti sotto le coperte

di doverti accarezzare

con un bacio o con la mano

poi l'odore  negro del caffè

quello che piace solo a te

una tazza nera e fonda

come nei film americani

            ...

leggo un lungo memoriale

di lista abnorme della spesa

quella che mi rattrista, sai,

perché di soldi non ce n'è 

           ...

Tremendo...sto tremando

al pensiero che non sei con me

che il tuo corpo più non c'è

che il caffè s'è raffreddato

una spazzola è un ricordo

ai tuoi lamenti son più sordo

quando sbattesti la porta

evitasti di svegliarmi

o ero sveglio speranzoso

di non essere più un coso

libero d'esser solo a colazione

levando al cielo un'orazione.

Sto tremando d'un' insana gioia

che la vita, evvai, mi son ripreso

che non era un brutto sogno

quando m'accorsi palpitante

ch'eri supina tra le piante.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Libero  

Questo autore ha pubblicato 132 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Il tuo vestito a scacchi
con lampi di bagliore
svolazzante e leggiadro
nella campagna in fiore

Poi scappi e ti rincorro
ma sei troppo veloce
ti guardo e sei lontana
nell’eco la tua voce,

e appare il tuo sorriso
che abbraccia la vallata
è stata una fortuna
per me averti incontrata.

I tuoi capelli al vento
setosi e profumati
li voglio catturare
fra prati sconfinati

Ti prendo poi la mano
che è calda come il sole
nell’aria un vento lieve
sparpaglia il buon odore

di te, così sinuosa
ti muovi assai leggiadra
col tuo vestito a scacchi
bagnato di rugiada.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Aug94  

Questo autore ha pubblicato 15 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Sono tutti gli abbracci mancati
che ci stanno ammazzando
- fino al punto da far piangere mamma
- che da tempo non ha
- quella stretta sui fianchi
Prima, l’acqua
scorreva nel fiume
ora, solo
dei ciottoli nudi
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: sasha  

Questo autore ha pubblicato 183 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Ali ormai deturpate dalle

Cicatrici di un dolore,

sono un angelo stanco

che non si nutre più d’amore,

il mondo mi appare invivibile

volare mi sembra impossibile,

l’inchiostro dell’anima non basta

per scrivere il mio domani

ho bisogno di pace e

di stringere altre mani,

sorrido per non piangere

la mia fede si è quasi perduta

questo è il mio vero volto

la maschera è caduta.


1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: GENNY CAIAZZO  

Questo autore ha pubblicato 73 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Alzandomi in volo,
Ciò che si presenta
Dinanzi ai miei occhi
È il posto
In cui vorrei
Andare con te.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Labbra Tristi  

Questo autore ha pubblicato 22 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
L'amicizia raccontata attraverso un quadro


Non sarà
per due stupide frasi
di banalità ridondanti
che ti aprirò il mio cuore

Ci ritroveremo
se vuoi
al di là di quel confine
oltre le parole
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: alec18marzo  

Questo autore ha pubblicato 26 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Come un piccolo seme 

sparso tra i rovi 

soffocato da mille spine ,

mai più vedrà il sole, 

mai più germogliar potrà. 

Sogna pure 

distese di grano a iosa addormentare i grilli 

sogna pure l’acqua fresca 

dissetar la terra 

e l’ombra della quercia 

la nenia cullar. 

Sogna pure 

come manna del cielo la farina divenire azzimo  di pane 

-primizia dell’antica festa 

-un ricordo della fuga dall’Egitto

-un richiamo all’umiltà 

qui , non è l’orgoglio che gonfia  il cuore , ma la superiorità.

Avviliti tra le inferriate arrugginite 

migliaia di matricole 

impresse a fuoco 

ognuno con il proprio destino, 

morire con il fuoco di un camino.

Niente fazzoletti e armonica 

ma fame, sangue , orrore e 

con la mancanza del pane, 

il silenzio di Dio 

un’incredibile realtà . 

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Caterina Morabito*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 14-03-2014

Questo autore ha pubblicato 810 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.