Lunga è la notte
si libera il rumore del silenzio
permettendo alla fantasia
voli oltre pareti sottili
palpebre indecise tra il voler
barricare scene d’amore
piccole gioie che permangono
limpide ad allietarle
o rimanere aperte a riflettere
sul giorno appena trascorso.

Ma la mente è stanca, soccombe
e s’abbandona lasciandosi cullare
dal pensiero di nuvole
che l’indomani
spalancheranno la porta
a nuovi attimi da dover vivere
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Veronica Bruno*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 13-04-2021

Questo autore ha pubblicato 199 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.