Passeggiando ci colpisce una struttura,
che sul marciapiede appare come bruttura,
sembra il pezzo di un'astronave,
all'apparenza non ha nulla di soave.

Un ragazzino la guarda interrogato,
che sarà mai quel parallelepipedo sgangherato,
rispondi in maniera che par cacofonica,
' E' una cabina telefonica!'.

Meravigliato allor ammira quella cornetta,
udendo la funzion d' uso di quella strana casetta,
bizzarro che ci si mettesse in fila per una telefonata,
inserendo monete per una chiacchierata.

Par strano anche a me pensar di aspettare,
sul suo uscio ho atteso anche io per parlare,
ci si dava un appuntamento la volta precedente,
davanti al telefono si aspettava come penitente.

Oggi quelle attese fatte di amore e cortesia,
non esistono piu' e si è persa la magia,
quando si componeva un numero con amore,
e dall'altra parte un 'pronto' scaldava il cuore.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Stornello Meneghino  

Questo autore ha pubblicato 199 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.