Ma che vuoi da me
un commento?
Ma lasciami in pace
ho già il mio tormento.
Vuoi capirmi?
Vuoi spronarmi?
Vuoi entrare nella mia psiche?
Vuoi sapere se ho un cuore tenero
o un marmo scalfito dal tempo?
Prego, accomodati
entra pure in queste pagine di tristezza
in quest'anima che galleggia
in un mondo dove conta solo l'apparenza.
Io mi rinchiudo nello scrigno del mio silenzio
e quando scrivo faccio uscire il peggio
leggimi pure
ma non chiedermi nulla
perchè io scrivo per me
io scrivo di me
per sputare rabbia
il dissapore di essere e non essere.
Non chiedermi di spiegarti
questa mia evanescenza
questa mia non appartenenza
quest'indolenza
questa continua e frustante impotenza.
E non aver paura di leggere parole
che come veleno
macchiano le mie giornate vuote
non meravigliarti
se non afferri il contenuto
io scrivo in balia del vento
e rapito dall'aria ostile
trasmetto in convulsi
ed eversivi versi
il vomito riciclato
del mio innato essere.


 

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Demetrio Amaddeo*   Sostenitore del Club Poetico dal 18-11-2020

Questo autore ha pubblicato 273 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

amilcare stunf
+1 # amilcare stunf 17-12-2013 21:40
Ed inwece leggere un Autore originale e con wis poetica non indifferente dowrebbe essere buona abitudine per chi forse abbia intenzione non dico di capirci di poesia, ma perlomeno di ADDENTRARCISIWI ,no di ADDENTRARWISICI , no.....sto troppo parafrasando Enrico Montesano....m ogni caso supercompliment i
catilo
+1 # catilo 17-12-2013 21:43
Infatti non ti leggo: io ti sento!
5 stelle, una luna, un Orione con Alnilam, la più splendente al centro della Cintura!
nabrunindu
+1 # nabrunindu 18-12-2013 17:48
una volta ho scritto una canzone le cui parole dicevano così: VEDO FIORI SECCHI NEI GIARDINI, VEDO TANTE ORTICHE, DAMMI LA MANO QUI C'E' L'INFERNO, AMO DI UN AMORE DISPERATO, FORSE SONO MATTO, VOGLIO PICCHIARTI PERCHE' TI AMO. bravo, mi è veramente piaciuta. stelle per te.
lorenzo calandrella
+1 # lorenzo calandrella 18-12-2013 18:51
Demetrio cm faccio a non leggerti qui sei uno dei pochi che scrive in maniera interessante ....se guardi i voti o le famose stellette sn sempre gli stessi autori e lo stesso modo di fare poesia....mi viene il dubbio che forse si ha paura del diverso boh......compli meti ti leggo sempre volentieri....
Demetrio Amaddeo*
+1 # Demetrio Amaddeo* 18-12-2013 18:56
Grazie Lorenzo...a proposito del "diverso" ho qualcosa d'interessante (almeno per me e sicuramente apprezzerai anche tu e qualcun'altro) da pubblicare....a presto su questo schermo :P
Andrea Guidi
+1 # Andrea Guidi 18-12-2013 19:24
Eh, la "pubblicità inversa" stimola un meccanismo psicologico che, nel caso, invoglia invece a leggerti :-) Lo avrei fatto comunque lo stesso, come sempre, visto che leggerti è cosa interessante anche se talora le idee non collimano (c'est la vie). Commento poco perché è un ruolo che non sento mio, ma apprezzo questo tuo ottimo scritto.
Antonia Vono
# Antonia Vono 19-12-2013 06:39
Al di là del titolo che è chiaramente un retaggio mentale , trovo che le poesie che esprimono rabbia siano quelle che in fondo parlano di più.
Piaciuta ,ma del resto tutto ciò che scrivi è interessante e lo sai.
Attendo la prossima allora su questo schermo!
Apprezzata +5

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.