La Regina è morta 
del suo regno oramai ne restano le briciole 
tra servi  pensatori  giullari e pretendenti
uniti di fronte al funereo trono 
si insinua il terribile sospetto
chi ha versato il veleno  
chi ha dato inizio alla cospirazione 
chi ha fatto cadere la corona 
forse gli intrighi di palazzo 
la destra conservatrice 
il clero i servizi deviati 
i riformisti...  le frange anarchiche

Chiamarono il giudice ed il boia
per adempiere al loro dovere 
ma vennero presto congedati
insieme appesi alla forca
la mani si strinsero 
assaporando il potere
del loro esercizio sulle loro carni

Venne chiamata a dare i sacramenti
la voce di Dio in persona  
tra litanie frasi solenni e lacrime 
i partecipanti  tra sguardi severi 
e sorrisi compiacenti 
decisero di celebrare il doloroso tributo

Chiamati i musicisti di corte
iniziarono a suonare come furie
ed un suono pesante ed oscuro
travolse  gli animi
non vi fu più ricordo 
di quelle discussioni all'infinito
tra dame e poeti
tra fede e dubbio  
tra scienza e religione

E presto tra vino assenzio e cortigiane
l'abbandono ai sensi
divenne naturale 
nel frattempo ...
il Re che tornava dalla guerra
infuriò di fronte a tanto spergiuro
poiché nessuno si fosse informato  
del lutto reale 

"Maestà la credevamo impegnato
nel difendere le mura della Santa Città 
dagli invasori  messaggeri
di un falso credo
le sanguinose battaglie 
le epiche imprese 
compiute da voi e il vostro seguito" 

"Non c'è guerra 
in cui abbiamo combattuto 
ce ne siamo fregati 
Io e il mio stato maggiore 
siamo rimasti in disparte 
nel guardare le citta' bruciare
dai corvi che mangiavano le anime 
ma siamo comunque degni della gloria
siamo stati assolti dai nostri peccati"

Intanto la tentazione 
di partecipare a tanto godimento
divenne incontrollabile
cosicchè sua Maestà
dimenticò presto lo sfacelo
del suo regno !

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Simone  

Questo autore ha pubblicato 171 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Rocco Michele LETTINI
+1 # Rocco Michele LETTINI 24-03-2016 09:26
UN ACUTO QUANTO MESSAGGERO VERSEGGIO... PER RIFLETTERE... PER CAPIRE...
LIETA GIORNATA.
*****
Hera
+1 # Hera 24-03-2016 12:30
Bellissimo racconto, magnificA SCRITTURA... BRAVISSIMO SiMONE!.... E GRAZIE PER IL SUBLIME MOMENTO DI RIFLESSIONE CHE CI HAI OFFERTO.....COM PLIMENTI E UN CARO SALUTO.... ET STELLE.......HE RA
Vera Lezzi
+2 # Vera Lezzi 24-03-2016 14:03
Ce ne hai offerta di materia su cui meditare, Simone...Ma bastava guardarsi attorno, vero?
Non c'è vero Amore, nella Vita se non non c'è anche tutto lo sdegno che il male deve suscitare!
BRAVO.
rosa dei venti
+2 # rosa dei venti 24-03-2016 18:43
Un suggestivo tripudio di pensieri, coinvolgente lo stile, lode alla tua bravura!
Simone
+2 # Simone 26-03-2016 11:37
ho cercato il modo di scrivere una sorta di racconto ..e se in qualche modo e arrivato il messaggio allora non era cosi inutile ..devo ringraziare un mio amico che mi ha aiutato a renderlo scorrevole ...vi ringrazio per aver letto e apprezzato il contenuto
Silvana Montarello*
+1 # Silvana Montarello* 24-04-2016 20:58
Non è solo scorrevole, ma un insieme di emozioni almeno a me questo è arrivato, ciao.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.