Non c’è il tempo nelle gocce di memoria,

nemmeno nei rumori senza storia,
seppur gli uomini usino le armi
per cercare la gloria.
Brandelli di vita elevati a baluardi,
da ninfe che in corteo seguono in silenzio
bacco ubriaco, supino sul carro degli dei.
Piccoli pony calpestano aridi terreni,
seguiti da umili muli, con gerle piene di pane
portate per sfamare sirene di mare
che lo scambiano con ostriche doloranti,
ma con un cuore, di perle, palpitante.
Batte il martello sui chiodi che uniscono le croci,
steccati dividono gli uomini per colore e idee,
la fede si perde sotto il cappello di un uomo,
nascondendo i soldi agli occhi del sole.
Musici lucidano i loro ottoni,
prima di incamminarsi sui campi di battaglia,
la spada e la lancia s’incrociano,
per rubare il sangue a chi dalla malasorte
diventa debole e si consegna alla morte.
Il treno del tempo porta alla stazione,
dove si aprono le porte per l’infinito,
forse tutto questo è solo un sogno proibito,
eppur anche se tutto sembra restare fermo,
la vita tra le emozioni si va muovendo.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Horion Enky  

Questo autore ha pubblicato 369 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

rosa dei venti
+1 # rosa dei venti 24-04-2018 15:22
Straordinaria, complimenti!
Horion Enky
+1 # Horion Enky 28-04-2018 16:22
Grazie infinite Rosa dei Venti, bona serata.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.