Un nido di vespe nell’orologio
mi sembra la base su un pianetino

che ci osserva. Ramon ha sbadigliato
trenta volte in un’ora

e alla radio danno notizie
ripetitive, poi e poi

errori come ciliege mature
venute giù dall’albero.

Le città hanno piani di evacuazione
e finestre egocentriche

c’è chi ostenta il nulla e chi senza nome
sta la notte in un guscio di cartone.

Sul mare hanno piantato
bandiere contro l’illusione

e intanto il rosso dei papaveri
palpita strenuo, forse

non sono papaveri ovunque
forse è il mercato

per la libertà di domani.
È una sorda impressione

un pulviscolo e poi gli uccelli
con ali incolpevoli, i bei nidi

in aureole di piombo.
Per oggi, da un minaccioso caos.




1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Rita Stanzione*   Sostenitrice del Club Poetico dal 18-07-2015

Questo autore ha pubblicato 717 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.