C’è un tempo che sboccia
libero dall’arsura nei tuoi occhi
una cava marina
china con me sul fianco,
posso fermarlo il mio respiro
con il bisogno primo
di scavare sorgenti
dal greto generoso che
si dona - ancora e ancora
di queste trecce d’acqua
cavalco nuvole crescenti
dove tocchi tu
lo stesso cielo di finestre
tu e le mie ossa senza peso
noi e la breccia da una materia
sussurrata
- basta una breccia
per diventare migratori, lampi
atomi fuggitivi
in canti.




1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Rita Stanzione*   Sostenitrice del Club Poetico dal 18-07-2015

Questo autore ha pubblicato 746 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Catilina
+1 # Catilina 13-06-2022 10:29
Sempre tra le migliori... Bellissima...
Rita Stanzione*
# Rita Stanzione* 15-06-2022 09:15
Grazìe :-)
Alberto Automa*
# Alberto Automa* 13-06-2022 11:33
Incanti come sempre...

Un caro saluto,
Albert
Rita Stanzione*
# Rita Stanzione* 15-06-2022 09:16
Grazie, Albert...un caro saluto a te :-)

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.