Si infrangono sulla battigia a ripetizione,
se chiudi gli occhi par udir una canzone,
un cadenzar che è dolce al tuo udito,
porta con se profum d' infinito.

Il vento regola il volume del lor suono,
il ritmo entra nell'animo come un tuono,
lo stesso di quando eri un bambino,
mentre assoporavi un preparato panino.

Par sentire ancora quel profumo delizioso,
e poi tutti al mare nel giorno che era di riposo,
un vecchio ombrellone sbiadito dal sole,
un genitore seduto insieme alla sua prole.

Nulla rimane di quelle preziose giornate,
che parevan ripetersi stereotipate,
forse solo il suon delle onde estive,
solcando a occhi chiusi le solinghe rive.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Stornello Meneghino  

Questo autore ha pubblicato 398 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Lilith50
# Lilith50 19-07-2023 21:25
Il tuo stile è inconfondibile. Per un attimo mi hai fatto tornare indietro con la memoria. Un po’ di cara nostalgia…
Antonietta Angela Bianco BGrZv
# Antonietta Angela Bianco BGrZv 22-07-2023 22:35
Nostalgica e molto bella. Complimenti! :-)

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.