Quartine di decasillabi a rime alternate e a rime incrociate.


Non passa giorno, non passa notte
ch'io non rimiri quei lineamenti,
scrutando con dolci sguardi attenti
le tue fattezze dal cuor indotte.

Ma mi riprendo dall’illusione
le tue sembianze svaniscon presto
ritornan sogno per me che resto
abbandonato da tua visione.

Consulto apposito calendario,
i dì d’attesa per te conteggio,
ne mancan venti, mi sento peggio,
di tempo e spazio triste avversario.

Del resto quando t’avrò di fronte
ti parlerò come un pesce lesso
che dirti “t’amo” s’è ripromesso
ma della voce non trova fonte.

Blatererò ‘na stupidaggine
perduto nella tüa ïmmagine.
È troppo vasta la tua bellezza,
sovrasta troppo la mia pochezza.


2022
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: ioffa  

Questo autore ha pubblicato 251 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.