Mamma pecchì a vita
e cusì amara?
chi n'di sacciu figgju
jeu d'avi quasi vint'anni
chi su ta sta tomba
no mi ricordu chiu nenti.
Chi ti pozzu diri mamma
u sai ca chiangiu tutti i jorni
pecchì ti penzu sempri
mi ricordu tutti i sacrifici
chi facisti un'di crisci senza
u me patri,
ora si ca chiusa chi penzu
ca mancu l'ossa ti restaru,
sai u papà è sempri u stessu
no cangia mai sempri chida testa.
Chi voi u fai fijicedu meu
è fattu così jeu u sopportai
pe tanti anni
e mo u supportu puru ca
chi su morta.
Mamma n'daiu u ti dicu na cosa
moriu u to fraticedu Tury
n'daviva assai chi jera malatu.
U sacciu fijiu u sacciu
mo è ca cu mia, anzi ti saluta
e je dispiaciutu
ca no vi potistuvu vidiri chiù
comunqui mo è cuntentu
pecchì finiu i soffriri.
Mamma pecchì a vita è cusì amara...


1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: RAFFAELLO CONCA*   Sostenitore del Club Poetico dal 30-04-2019

Questo autore ha pubblicato 673 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.