Amatrìsce

U ssanghe, chendeggnùse,
tènge chidde pète andiche,
pegghiàte a sckaffe da la forze de la natùre...
Ècchie ca se pèrdene,
mbaduessciùte da case scaffuàte...
Cèrchene, a “sècca d’acque”,
sènz’arrièssce, ngocche iànema vive...




Amatrice (traduzione)

Il sangue, con contegno,
tinge quelle pietre antiche,
prese a schiaffi dalla forza della natura…
Occhi che si perdono,
imbambolati da case crollate…
Cercano, “a sete d’acqua”, (quasi con ingordigia)
senza riuscirci, qualche anima viva…

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1
quanto hai gradito questo testo?
Profilo Autore: Filippo Favia  

Questo autore ha pubblicato 3 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Silvana Montarello*
0 # Silvana Montarello* 10-10-2019 17:06
Un dolore che noi tutti ricordiamo, bellissima dedica a chi ha perso tutto, complimenti.
Filippo Favia
0 # Filippo Favia 11-10-2019 07:39
Grazie! Spero che Amatrice possa “risorgere” quanto prima!
Sereno proseguimento di giornata,
Filippo

Aggiungi commento

Commenta rispettando sempre l'autore.

Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.