Custodisco l'amore
l'ho ereditato da mia madre
nel pianto e nel dolore
mentre le nuvole
da bianche diventavano nere.
Custodisco l'amore
l'ho ereditato da mio padre
nell'urlo d'insegnarmi un mestiere
nello stringere i denti
nei passi stanchi
verso l'inferno dei gobbi.
Custodisco l'amore
e l'ho portato da te
ai tuoi piedi
vergine e immacolato
l'ho iniettato
come un insetto
sul fiore piegato.
Custodisco l'amore
nella stanza segreta
dove nessuno è mai entrato
e rimane un rimbombo
sulle pareti dorate
e la voce di un corvo 
che lacera e rivive ferite.
Custodisco l'amore
e in questa prigione
mi porto la croce
di un poeta fallito
che la cerca ragione
di questo segno sul cuore.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Demetrio Amaddeo*   Sostenitore del Club Poetico dal 18-11-2020

Questo autore ha pubblicato 273 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Michelina*
+3 # Michelina* 30-07-2017 16:32
Mi piace molto.Complimen ti.
Aita Carla
+2 # Aita Carla 30-07-2017 22:56
Versi che hanno catturato subito la mia attenzione. Bella la tua capacità descrittiva di come l'amore si insegna a gesta ed esempi. Questo amore che traspare dall'urlo di tuo padre ad insegnarti un mestiere per poi essere relegato nell'inferno dei gobbi, da tua madre per la caparbietà
nell'affrontare i momenti più bui.
Per ultimo, un'amore relegato ad un posto oscuro, dentro o fuori di te.

Molto sentita

Carla
Grace D
+2 # Grace D 31-07-2017 11:36
Un amore che è andato avanti per essere stato trasmesso dalle persone più care, un amore
che non sempre ha avuto riscontri positivi ma che è vita, tuttora, nell'inviare a riconoscerlo
nel suo giusto valore. Versi molto apprezzati nel loro incedere. Un saluto!
Antonia Vono
+1 # Antonia Vono 01-08-2017 15:31
L'amore va custodito, quello genitoriale è nella sua unicità sangue prezioso, quello che invece siamo capaci capaci di provare assume spessori diversi dentro di noi, e non ha ragioni.
Come sempre intenso nell'introspezi one.
fintipa2
+1 # fintipa2 03-08-2017 12:56
ci sono poeti falliti in giro?
non credo. un poeta non fallisce mai la sua meta che è quella di scrivere e comunicare
sotto forma di versi il proprio punto di vista sincero sul mondo e su sè stesso.
se altri non corrispondono, se non c'è audience, se non si è capiti, non è un problema del poeta.
La sua parte si esaurisce nello scrivere ciò che sentiva necessario scrivere, escludendo qualsiasi tipo di vanità.
E. Pound docet.
ciao
Demetrio Amaddeo*
+1 # Demetrio Amaddeo* 04-08-2017 16:45
In un certo senso il poeta è un fallito
ma io parlo per me
non so degli altri

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.