Lascia che ti sfiori il mento

con la mano che abbandona i tasti

in questo sabato pomeriggio

di luglio inoltrato.

Delle volte può succedere che basti,

tesoro, quel che non è proprio un bacio.

Chiudi gli occhi, sarà un viaggio vivere

la normalità: quella di lotte al solletico

e baci sulla porta, di mattine incazzate

e mani strette… finché c’è da stringere.

 

…e stringi, stringi finchè c’è respiro.

Stringi forte amore,

ch’io non possa più fuggire.

Perché si resta in un abbraccio,

nei più dolci legami fatti di dita e sudore.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 556 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

pagine perdute
+1 # pagine perdute 23-07-2020 22:29
poesia che racchiude una passionalità forte e un leggero erotismo che mi piace proprio perchè non troppo accentuato, bella.
MastroPoeta
+1 # MastroPoeta 27-07-2020 18:24
Grazie, mi fa piacere

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.