E tutte le notti apri il tuo frutto
per nutrite questo mio cuore malinconico
Sazi la fame e la sete della bestia ferita che è in me e di quell'immenso sospiro che ci unisce in un caleidoscopio di colori di luci di gemiti di sessi che si cercano e di quella tua voglia di amore che avvinghia il tuo corpo con il mio stringendomi fortemente a te come se non volessi che non mi distaccarsi mai più dal tuo fiore 
e da quel profumo unico e selvaggio 
che accompagna da sempre la tua essenza di donna
E la notte non finisce mai mentre l'alba ci ritrova avvinghiati nel respiro dell'amore
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Maurizio Gaibazzi  

Questo autore ha pubblicato 59 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Aita Carla
# Aita Carla 10-04-2023 12:22
Molto delicata e sei riuscito a scrivere d'amore senza essere sdolcinato

Carla
Caterina Morabito*
# Caterina Morabito* 10-04-2023 14:38
Wou! Fantastica :-)

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.