Dell'umida terra fredda ti imbevi
e resti fedele al tempo delle stagioni
che dicono che ancora giace l'inverno.
Ma di quel rigore glaciale non vi è traccia
e già giacigli erbosi iniziano a spuntare
tra le gemme che voglio uscire.
Tepore d'Oriente è giunto sino a noi,
che intenti a cercare ricordi sotto
la neve,
non ci accorgiamo che è
già  tempo di rinascere.
Sotto un cielo dipinto d'azzurro,
che quasi si dimentica delle nuvole,
noi scorgiamo  i pensieri profondi
e sorridiamo.
Sale leggera la nebbia mattutina,
e ci ricama manti opachi.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Marinella Brandinali  

Questo autore ha pubblicato 430 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.