Le dieci e dieci, il tempo

dice di antenne volte a voler suo

portatore di maniacali scienze

l’allele dominante detta

segniche lingue.

La linea della vita guarda al cielo

ritta da entrambi i baffi -becchi

di cera stanno all’azzurrità come

dei canapini nei fuscelli

in cerca di una bacca che li appaghi,

sul lago pittano

la (in)finitezza di orologi

dalla memoria qui squagliata.

La replica da istanti rotti.

Uccise convenzioni, arridono

all’aldilà o all’apice

del qui et nunc, schianto divino,

           macchiato d'erba e limo.






1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Rita Stanzione*   Sostenitrice del Club Poetico dal 18-07-2015

Questo autore ha pubblicato 708 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.