Chi si ricorderà di noi
forse le stelle che saranno ancora qui
incastonate nel cielo dei miracoli
e sui muri dell'evanescenza.
Chi si ricorderà delle parole
scritte sulle pietre
quasi a formare una torre di Babele
per raggiungere l'essenza
di una luce che mai si è spenta.
Chi avrà in memoria le nostre poesie
il nostro amore disseminato
tra i fiori e le maree
e nei germogli del canto
dove trasudavano gemme, sangue e pianto
in attimi di pace affogati nel silenzio.
Chi si ricorderà di noi
se non la quiete
che non propagherà più la voce
e sarà un fiore ricurvo sul tramonto
a dare una speranza alle radici.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Demetrio Amaddeo*   Sostenitore del Club Poetico dal 18-11-2020

Questo autore ha pubblicato 273 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

poesie profonde*
+1 # poesie profonde* 08-12-2020 12:24
Queste domande di solito si fanno quando sembra volgere al tramonto. Profonda ed intensa. Complimenti di cuore
Giò*
+1 # Giò* 08-12-2020 20:15
Una riflessione profonda e bellissima.
Ogni tanto sfiora pure me questa domanda, ma mi fa tanta malinconia allora guardo avanti, vivo di oggi, innesto qualche radice, di più non voglio sapere.
Un caro saluto...^.^
Silvana Montarello*
# Silvana Montarello* 12-12-2020 16:30
Profonda e bella, come tutte le tue, complimenti.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.