Cielo grigio,
il tempo rallenta,
un allarme suona,
nel monitor una retta;

persone che corrono,
aprono la porta,
gridano comandi
e cercano di farmi ritornare;

ma qui è semplicemente più bello,
avrei solo voluto arrivarci prima,
prima che la malattia
deformasse il mio corpo,

lo paralizzasse;
prima che aumentassero le sofferenze
dell'anima.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Tommaso Alongi  

Questo autore ha pubblicato 14 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Tommaso Alongi
+1 # Tommaso Alongi 11-11-2017 22:29
In questa poesia ho voluto trattare del delicato argomento dell'eutonasia; in quanto secondo il mio pensiero, le persone ormai sfinite dalle cure o che per qualsiasi motivo diventano gevetative, hanno il diritto di non dover provare quel dolore opprimente e decidere di scrivere la parola fine con dignità.
Tommaso Alongi
+1 # Tommaso Alongi 11-11-2017 22:31
*motivo diventano vegetative
Antilirico
+2 # Antilirico 11-11-2017 22:47
Molto molto bella e, ovviamente, condivido senza condizioni il tuo pensiero... A rileggerti...
Tommaso Alongi
+1 # Tommaso Alongi 11-11-2017 23:40
Grazie, sono felice che ti sia piaciuta e che condividi il mio pensiero ; ma in che senso "a rileggerti"?
Ibla
+2 # Ibla 12-11-2017 11:02
Condivido anch'io il tuo pensiero, ma l'argomento diventa scabroso quando ci si legifera sopra.
L'eutanasia di stato non rispetta più il diritto del singolo, ma nega cure a chi ancora crede nella vita.
Questo non lo trovo giusto e anzi molto pericoloso.
Chi ci difenderà quando lo stato dirà che è arrivata l'ora ,per i malati che costano troppo, di togliere il disturbo.
Nei paesi nordici già seguono questa via.
Bella poesia la tua.
Un saluto da Ibla.
Tommaso Alongi
+1 # Tommaso Alongi 12-11-2017 11:16
Grazie, in effetti c'è anche questo aspetto molto brutto; ho scritto, appunto, "diritto" e "decidere" però lo stato non dovrebbe decidere per noi o imporci la morte perchè "costiamo" troppo. Spero che nel futuro non si diventi pragmatici a tal punto, anche se con la sovrappopolazio ne potrebbe essere; per il presente, invece, credo che a un certo punto, quando ormai si è troppo stanchi per continuare, se la persona lo vuole, dovrebbe avere la morte; anche perchè ormai ci sono i famosi "viaggi della morte". buona domenica
Hera
+2 # Hera 12-11-2017 20:10
una poesia incantevole per una tematica così difficile e forte: hai saputo dare voce a quelle persone che non hanno potuto decidere!
Grande il tuo intervento poetico e commovente..... .........Compli menti e le mie stelle*****HERA
Tommaso Alongi
+1 # Tommaso Alongi 14-11-2017 15:24
Grazie, proprio perchè tratta di una tematica così delicata, ho preferito prima farla leggere a una persona che ne sa di arte; per essere certo di non urtare la sensibilità di qualcuno.
StrayCat
+2 # StrayCat 13-11-2017 00:19
Una poesia davvero singolare,
sia per come è composta,
sia per come viene trattato
l'argomento del trapasso.
Condivido appieno
i concetti da te espressi.
Hai usato semplicità ed onestà
per un argomento ritenuto a volte scomodo.
I miei complimenti.
A presto.
Tommaso Alongi
+1 # Tommaso Alongi 14-11-2017 15:25
Grazie, forse onestà e semplicità è proprio quello che serve oggi... a presto
Ugo Mastrogiovanni
+3 # Ugo Mastrogiovanni 13-11-2017 12:19
Un argomento scottante e molto umano. Condivido il tuo pensiero, ma la cosa egualmente complica la mia morale.
Tommaso Alongi
+1 # Tommaso Alongi 14-11-2017 15:28
Grazie Ugo, ma perchè complica la tua morale?
Silvana Montarello*
+1 # Silvana Montarello* 20-11-2017 19:21
Argomento scottante...ma trattato con molta professionalità , bravo ciao.
Tommaso Alongi
# Tommaso Alongi 25-11-2017 09:29
Grazie mille, sono felice che c'è di averlo trattato con professionalità

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.