Quel campo di grano fu culla pungente d'amore. Amanti oppiati dallo strofinìo dei papaveri in fiore, sui corpi bagnati essenze d'umore, mormorii germogli nel cuore che d'impeto aprivan radici d'unanime ardore... ma
inconsapevoli figli d'un destino crudele. Troppo presto, la morte... l'anima spogliò del suo candore e lesto il dolore assottigliò come puntali di cristallo le lacrime trafiggendone il cuore. Lancinante... "restare", sola a sgranare i sogni racchiusi nei sottili involucri dorati,sentimenti, soffocati dal respiro che ti dava la vita.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Pietrina Lorito*   Sostenitrice del Club Poetico dal 20-11-2020

Questo autore ha pubblicato 40 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Michelina*
+1 # Michelina* 28-09-2020 14:10
La storia di donne che hanno perduto l'amore per colpa di guerre o situazioni in epoche diverse, mi piace molto la sensibilità e immedesimazione , un saluto.
Pietrina Lorito*
# Pietrina Lorito* 07-10-2020 14:37
Grazie,ricambio il saluto.
Kate
+1 # Kate 28-09-2020 19:16
Amore-Morte come vetta definitiva. Apprezzata.
Pietrina Lorito*
# Pietrina Lorito* 07-10-2020 14:37
Grazie.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.