Tra il vento dei ricordi finisce la sera
e in solitudine racconti la tua storia
la racconti con emblema attenzione
modificandola ritagli di giornali
appendi fra stracci consumati
osservi movimenti incerti
ti guardano ma non come vorresti
tu, che calmo sei, un altro essere
diventato appoggiato a lacrime
infantili la pioggia ancora
ci sarà diversa però meno amara sarà
vivremo più tranquilli confondendo
le stelle nelle tiepide sere
d'estate dettate dal cuore
improvvisamente liberi ci sentiremo
nei bagliori futuri che canteranno
canzoni passate destinate ad esser
cestinate dimenticandole volendo
stanchi di ascoltarle al di fuori
dei giorni finiti che affiancano
treni a lunga percorrenza


 

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: poesie profonde*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 16-07-2013

Questo autore ha pubblicato 602 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Veronica Bruno*
# Veronica Bruno* 20-04-2021 22:44
Parole colme di sottile significato che sottolineano l'incontro con noi stessi in ogni sera, rivivendo i giorni già vissuti lasciandoci ricordi e insegnamenti e il nostro protrarre speranzoso verso altri che verranno...Comp limenti!
Grazia Savonelli*
# Grazia Savonelli* 21-04-2021 14:35
Intensa ed Amara

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.