Come un bambino
rimango stupito
vedendo il sole tramontare
scompare d’improvviso
nascondendosi dietro la collina.
Poi come un uomo
faccio mille domande.
Come mai la notte è così lunga
se non riesci a dormire
e il giorno invece
passa troppo in fretta.
Quante volte ho pregato
invocando Dio
pensando stupidamente fosse distratto.
Rannicchiandomi su me stesso
aspettavo una risposta
immediata.
Quanto tempo perso
così inutilmente
sciupando gli anni migliori.
Solo ora m’accorgo,
la risposta era già arrivata.
L’ottusità del mio essere
non l’aveva sentita….


1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: RAFFAELLO CONCA*   Sostenitore del Club Poetico dal 30-04-2019

Questo autore ha pubblicato 672 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

nabrunindu
+1 # nabrunindu 05-04-2014 19:21
che bella! bravo raffaello.
Silvana Montarello*
# Silvana Montarello* 06-04-2014 20:35
A volte vediamo e sentiamo solo quello che ci fa piacere a noi e le tante domande rimarranno senza una risposta,ma con il tempo ci rendiamo conto di tante cose che prima forse come dici tu per ottusità non vedevamo.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.