Vorrei posare per un giorno
il mio cuore dentro la dispensa
nuotare a largo e allontanarmi
per sentire come si sta senza

Voglio capire se riesco a galleggiare
nel liquido mieloso del mio mare
sfidando le onde cancerose
dell’Oceano che non riesco ad accettare

Tranquilli amici lo farò solo una volta
è una prova a cui non riesco a rinunciare
ma adesso che ci penso
lo farò anche senza milza e senza polpa

Non sono matto è solo un esperimento
e se un giorno lo farò
sarà anche senza il cervello
e udite, udite pure senza il sentimento

E nuoterò a gran bracciate
per cercare un’isola felice
dove non occorre più affannarsi
e consumarsi per un attimo di pace

Ho paura però che al mio ritorno
troverò vuota la dispensa
derubato della mia zavorra
e dell’organo malvagio della voglia
 
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Demetrio Amaddeo*   Sostenitore del Club Poetico dal 18-11-2020

Questo autore ha pubblicato 273 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

pierrot*
+1 # pierrot* 14-12-2013 12:13
sono rischi. Chi non risica non rosica ...ogni lasciata è persa, chi lascia la via vecchia per la nuova sa quel che lascia e non sa quel che nuota, e trova, tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino ...non me ne vengono più. Ma tu scrivi sempre bene, anche se c'è la possibilità leggendo di aumentare la musicalità visto che non segui uno schema metrico, (credo*).
Le tue poesie si leggono sempre in una scrittura piacevole, anche quando i contenuti e gli stati d'animo sono duri, doloranti o provocatori. Una corteccia ben salda con qualche feritoia.

ma è il momento della parola "cuore"?

ciao a presto
Demetrio Amaddeo*
# Demetrio Amaddeo* 14-12-2013 14:35
il cuore è l'argomento principe dei "poeti" io cerco di trattarlo e descriverlo in modo diverso...
Renato Dentice d'Accadia
+1 # Renato Dentice d'Accadia 14-12-2013 16:50
Non male come esperimento. Un po' di disordine nelle rime, se mi consenti, ma devo dire che mi sto allenando anch'io per raggiungere a nuoto quell'isola. Quanto all'organo nella dispensa, se leggi la mia poesia Ladra, vedrai che io il furto l'ho già subito tempo fa. Bella idea.
Demetrio Amaddeo*
# Demetrio Amaddeo* 14-12-2013 17:03
Giusta osservazione, quella del disordine delle rime intendo, ma è voluto...è un mio modo di scrivere quasi da sempre...mi piace la rima nelle due parole fine verso e inizio verso successivo...pe r quanto riguarda la poesia Ladra vado a leggerla con vero piacere...doppi amente se condividi il pensiero di Pessoa :P autore che io adoro
amilcare stunf
# amilcare stunf 14-12-2013 21:32
Esperimento perfettamente riuscito!!! Una lobotomizzazion e sentimento razionale di sicuro, indiscusso effetto poetico.
Falug
# Falug 15-12-2013 17:26
Il tuo è un incidente probatorio che deteriora l'oggetto della prova. Ergo, non v'è ritorno al punto di partenza.
D'altra parte, se raggiungi l'isola felice, perché ritornare? Mi è piaciuta assai.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.