Dietro le fredde lapidi di marmo
hanno pulsato cuori,
piccoli universi
d'emozioni e di dolori.

Unici,
non torneranno.

Noi qui ancora li portiamo dentro,
in un sorriso,
in una lacrima, in un gesto,
nell'anima.

Tra i cipressi stanchi
sentinelle dei silenzi
riposa la vita che è stata
e che vita ha regalato.

Il sole generoso,
intanto,
continua a illuminare questa terra.




1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: elisa  

Questo autore ha pubblicato 141 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Demonius
+1 # Demonius 02-11-2015 14:32
Saranno proprio i cipressi stanchi ad essere poi gli unici portavoce dei piccoli universi, quando anche le lacrime e i gesti di chi ricorda si perderanno col divnire del tempo. Mi hai fatto riflettere.
nabrunindu
+1 # nabrunindu 02-11-2015 20:33
mi piace e basta, brava! :-)
Rocco Michele LETTINI
+1 # Rocco Michele LETTINI 02-11-2015 21:05
ADORABILI VERSI PER I NOSTRI CARI DEFUNTI... IL MIO ENCOMIO ELISA.
elisa
+1 # elisa 04-11-2015 19:24
Grazie per i graditi commenti!
Ciao Elisa
Silvana Montarello*
# Silvana Montarello* 15-11-2015 19:41
Inostri cari non sono dietro le lapidi, li riposa solo il corpo, ma la loro anima è sempre con noi, grazie la piccola lacrima mi viene a me adesso.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.