E la prua verso un lido fatto d'ombre
a vele malate va,
sonnambula sull'acqua.

Domani nel tepore,
sotto i tetti a scala,
o in un catino ghiacciato
a mille leghe
 in piena luna!

Un domani già passato,
affondato senza fuoco,
 tra il guanciale e un mazzolino
di fiori di lavanda.


(2011)

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Alberto Automa*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 24-02-2012

Questo autore ha pubblicato 1069 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Debora Casafina
+1 # Debora Casafina 21-10-2011 09:48
Sembre belle le tue atmosfere che si respirano trasportando chi legge in realtà parallele in cui tutto sembra sospeso...trann e la mia allergia alla lavanda ;-) apprezzatissima come sempre :-)

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.