Non pensare, quest’opera

cortissima

è nata per sbaglio

La primavera stava nelle bocche chiuse

un punto solo era specchio

della luce fuggita dal sonno

orefice del sorriso

che cruda e confusa ritagliavo

dal paesaggio che Pegaso

aveva tenuto per sé





1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Rita Stanzione*   Sostenitrice del Club Poetico dal 18-07-2015

Questo autore ha pubblicato 766 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Arcangelo Galante
+1 # Arcangelo Galante 20-02-2016 19:27
Un'opera cortissima, improvvisamente sempre nasce per volere di una coincidente ispirazione, e se l'anima è priva di luce, difficilmente potrà illuminare quel "paesaggio che Pegaso aveva tenuto per sé"!
Sir Morris*
+1 # Sir Morris* 21-02-2016 10:46
Bel concetto in uno spazio stretto! Bella
Rocco Michele LETTINI
+1 # Rocco Michele LETTINI 21-02-2016 12:45
ANCHE UN SOLO VERSO FA POESIA. ELOGIABILE PEL SUO PREGNO DI REALTA'... ORMAI AMARA QUOTIDIANITA'. SERENA DOMENICA.
Rosaria Chiariello
+1 # Rosaria Chiariello 21-02-2016 17:57
Trovo questa poesia un incanto per l'atmosfera che riesce a creare durante la lettura, un'atmosfera rarefatta e sospesa di stupore come se un istante di bellezza si fosse offerto in tutta la sua originaria purezza e per la scelta accurata di ogni singola parola! Si appercepisce! Un caro saluto!

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.