[E’ morta, dorme?
Dov’era,
con il suo fulvo corpo leonino, le sue ali di vetro?-

S.Plath. (trad. A. Ravano)
--------------------------



Febbraio è passato.
Quel giorno poi è stato come rifugiarsi sotto terra
e riemergere. Dove?
Questo lo so. L’ho scoperto.
E’ la mia scommessa con l’intelligenza.
Rischio la follia con te. Un modo per farti tornare e rivedere
capelli, naso, interno occhi
come scene di un delitto

Mi è familiare entrare, uscire è impossibile.
Poi c’è l’arresto, contro il muro.
Silenzio che penetra l’universo. Occhi di cerbero in agguato.
Cerco un cobra sai? Cosa credevi?
Vederti rinascere non è cosa da poco
come lottare nella sua bocca, ingoiando, piangendo
ritornare uovo.
Evoluzione di un miracolo giocato in un polmone.
Segni di clemenza anche questa volta
nessun curioso nei dintorni.

Dov’ è la tua prigione? Il 41 bis è uno scherzo al confronto.
Regime lunare. Pioggia che inverte il senso.
Nemmeno Lazzaro lo è. Quell’altra volta ci volle un ordine imponente.
E’ possibile anche oggi. La probabilità gioca sul vincente.
Tirare indietro il gas, svilire ogni molecola che morde il sangue,
vivere è questo tiro di dadi sul pavimento.

Per tirarti su da terra, preparare rotte di malva,
nutrire api ghiotte di tremore.
C’è una luna che emana favole di gelsi e bruchi.
Tessono la tunica dell’apparizione,
risplenderà ancora l’arnia del sorriso,
ne sono certo,
e tu sarai ancora Regina d’api.

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: fintipa2  

Questo autore ha pubblicato 109 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Grace D
+1 # Grace D 05-06-2017 11:59
Una regina d'api ben sfortunata e non apprezzata, come si conviene ad una regina della letteratura
da chi gli fu accanto nella vita. Piaciuta molto! Un saluto, Grace
fintipa2
+1 # fintipa2 05-06-2017 22:02
proprio così. Grazie per la lettura
ciao franco
Hera
+1 # Hera 05-06-2017 22:04
Direi che sei straordinario.. ............... ....Complimenti davvero!
fintipa2
+1 # fintipa2 06-06-2017 08:29
straordinaria è sicuramente la poesia di Sylvia Plath.
Questo brano nasce a coronamento di un tentativo di immersione nella sua poetica.
Ho voluto postarlo anche qui, (richiamato dalla poesia di un'altra autrice del sito) per rendere omaggio alla sua grandezza.
ciao e grazie

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.