Ho disegnato un cerchio nel grano
fissando un punto imprecisato con
lo sguardo, l’immaginazione da compasso.
Ci avrei messo il mare, e al centro una vela.
Ma da qui si vede la terra che mi è rimasta
tra le dita quando qualcosa accidentalmente
s’è rotta, e l’ho stretta quasi volessi afferrarne
l’essenza: sa di parole pulite dette con cautela.
Di acqua, germogli e radici, profuma d’un
tempo impreciso, di semi, parole e di passi.
Ci avrei messo te dentro, e intorno una fila
di angeli in coda nella luce di una candela
supplicandoli di illuminare il buio dove esisti
solo tu che sai accostare l’orecchio… un tocco.
Un fruscio, forse un gorgo di foglie d’autunno.
Ora voltati, come piroetta nel vento quella vela.

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 492 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Enrico Barigazzi
+1 # Enrico Barigazzi 25-05-2020 19:06
Ottima poesia per stile parole e metafore...piac iuta...
MastroPoeta
+1 # MastroPoeta 04-06-2020 11:04
Grazie davvero :roll:

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.