Inconsapevoli mancanze 

radicate nelle persone

una volta capite portano

verso il preludio di nuovi

percorsi sul grande cammino

 

dicevi di aver imparato

dai nostri errori e mentre parlavi

vedevo già la loro lista

scorrere davanti agli occhi

un fiume scuro di immagini

senza forma e parole

che accusavano senza capire

 

consapevole dei nostri difetti

li conservo tutti dentro una scatola

non voglio disperderli

erano i fili che muovevano

i nostri desideri

erano loro che ci facevano crescere

erano loro che rendevano interessante

perdersi nel sentiero dell’incoscienza    

per ascendere verso la pienezza delle nostre vite.

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Enrico Barigazzi  

Questo autore ha pubblicato 97 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Simone
# Simone 01-08-2020 21:54
Chissà se poi il difetto e il pregio non sono che un incontro ...bella la poesia la trovo sincera quanto serve per conservare un incosciente vivere... l'unico che rende gioia ..un saluto cordiale

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.