Ho perso te in una giornata di maggio

viva era solo la natura

noi eravamo usciti di scena

stavamo sullo sfondo

guardavamo impassibili

l’oscurità di un crepuscolo umano

avanzare ostinata verso l’incubo

di un sonno pesante

privo di immagini che ci spingevano

a perderci nello sfondo onirico

di un eden creato dalle nostre speranze

ho perso te al limite di un baratro

che avanzava per ingoiarci tutti

non avevano più importanza

le ore ed i momenti nello scorrere

del vivere, passavano semplicemente

semplicemente passavano

senza dare un senso alle cose

isolata volontà di dare un significato

al tutto non può essere procrastinata

anche se io sono una metà solo una metà

perché ti ho perso

cercherò di ritrovare il senso alle cose

cercherò di riprenderti per mano

per darmi un significato.

1 1 1 1 1
clicca sullle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Enrico Barigazzi  

Questo autore ha pubblicato 95 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Morgana
# Morgana 27-06-2020 19:52
Molto bella

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.